Sirwoltehorn da Engiloch

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Varie
quota partenza (m): 1769
quota vetta/quota massima (m): 2845
dislivello totale (m): 1312

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: emanuele_80
ultima revisione: 02/07/14

località partenza: Engiloch (Simplon , Brig )

cartografia: CNS 1:25000 1309 Simplon

bibliografia: L. Bonavia, M. Previdoli - Sci Alpinismo in Valdossola. N°22/24 (Grossi Edizioni)

accesso:
Da Gravellona Toce seguire la superstrada sino a Varzo e Gondo, proseguire per la strada del Sempione fino alla località Engiloch.

note tecniche:
Dalla località Engeloch (indicata localmente con questo nome ma riportata come Engiloch su carte e guide), partono numerosi itinerari, tutti in genere molto frequentati, che hanno in comune il primo tratto fino alla cascata. Questa salita è una variante più lunga della via normale invernale al Sirwoltehorn.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio sul lato sinistro della strada per il Passo del Sempione, poco prima di Nideralp, si scende in direzione Sud-Ovest. Si attraversa il torrente su un ponte e si risale guadagnando i prati di Chlusmatte che si percorrono sempre in direzione Sud-Ovest con pendenza in costante aumento fino al canale, piuttosto ripido, a lato di una cascata. Questo tratto richiede prudenza e neve ben assestata. Raggiunto il pianoro a monte della cascata è possibile seguire l’itinerario del Galehorn oppure continuare verso Sud-Ovest dove attraverso un valloncello piuttosto stretto si sale al pianoro del laghi di Sirwolte. Questa variante è da preferire per il panorama. Si contorna il maggiore dei laghetti, che si trova a destra, poi si punta in direzione Nord-Ovest verso il Sirwoltesattel. Raggiuntolo, scendere decisamente nella Nanztal seguendo la valletta originata dal passo, perdendo un centinaio di metri, piegare poi a sinistra, tagliare a mezzacosta, in leggera discesa, i ripidi pendii portandosi al pianoro al centro della Nanztal (2430 m). Da qui, risalire con buona pendenza la cresta Sud-Ovest della montagna puntando all'evidente blocco roccioso che ne contraddistingue la cima.
La discesa si può effettuare per la stessa via di salita o lungo la classica normale descritta nell'itinerario scialpinistico (nel conteggio del dislivello è stata considerata quest'ultima soluzione per il ritorno).

altre annotazioni:
Questa zona è spesso soggetta ad esercitazioni di tiro da parte dell'esercito svizzero. In caso di operazioni militari in corso, la zona viene interdetta al transito con opportuna segnalazione. In genere le esercitazioni non avvengono nel fine settimana. In caso di scarso innevamento è possibile reperire parti di munizioni che ovviamente è vietato raccogliere.