Samarià (Gola) da Aghia Roumeli

sentiero tipo,n°,segnavia: E4, variante
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota vetta/quota massima (m): 1200
dislivello salita totale (m): 1250

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: i3fili
ultima revisione: 04/06/14

località partenza: Aghia Roumeli (undefined , Creta )

punti appoggio: Stanze in affitto a Soughia, Omalos, Aghia Roumeli

cartografia: Crete 11.13 Samaria - Sougia - Topo 25 Anavasi - 1:25000

accesso:
Aghia Roumeli si raggiunge via mare oppure a piedi da Soughia o Chora Sfakion.

note tecniche:
La Gola di Samarià è una delle principali attrazioni escursionistiche di Creta e parte dell’omonimo Parco naturale. Solitamente rimane aperta da Maggio a fine Ottobre (negli altri mesi la portata d’acqua rende impassabile il tratto più stretto) e viene percorsa ogni giorno da centinaia e talvolta migliaia di persone.

Generalmente la si discende da Omalos ad Aghia Roumeli, ma nulla vieta di percorrerla in senso inverso. Anzi, iniziando a camminare presto il mattino da Aghia Roumeli, si riesce a godersi il cammino in totale solitudine, specialmente la zona bassa, più spettacolare. L’ingresso prevede un biglietto (5 euro, maggio 2014) che deve essere mostrato all’uscita, per ragioni di sicurezza (conteggio persone e verifica che nessuno bivacchi nel parco). La lunghezza effettiva della Gola di Samarià è di 13 Km (lose con chilometraggio nei due sensi) a cui bisogna aggiungere gli ulteriori 3 Km che separano l’uscita da Aghia Roumeli. Il dislivello ammonta a circa 1250 metri.

Dato che Aghia Roumeli è collegata solo via mare, all’arrivo, per tornare ad Omalos occorre aspettare il traghetto/battello del tardo pomeriggio verso Soughia (orari sul sito anendyk.gr) e prendere quindi il bus dello Ktel. Nel tardo pomeriggio parte anche un altro traghetto verso Chora Sfakion, dove le corriere dei tour organizzati vengono a riprendere i gitanti per riportarli ai luoghi di partenza.

descrizione itinerario:
Da Aghia Roumeli si seguono le ovvie indicazioni, percorrendo la strada in cemento che tra gli oleandri si inoltra nella gola. Si attraversa l’abitato della vecchia Aghia Roumeli, si superano un paio di ponti sul torrente e si giunge finalmente al gabbiotto di ingresso (o uscita) della Gola.

Dopo poco si arriva al punto più stretto della Gola (chiamato Pòrtes) dove il torrente occupa interamente il fondo del passaggio e si cammina su passerelle. Il percorso in falsopiano attraversa occasionalmente il corso d’acqua, tocca aree attrezzate di sosta con fontane e bagni, e arriva al vecchio villaggio di Samarià (quota 350). Da qui ci si sposta verso il ramo sinistro della gola, con cambio progressivo di ambiente, più alberato ed alpino. Dopo una perdita di dislivello di circa 50 metri la salita si fa lentamente più faticosa ma sempre su ottimo sentiero e quindi mulattiera fino all’uscita di Xyloscalo.