Rognosa d'Etiache Torre Maria Celeste - Parete Ovest dal Colletto Luca

tipo itinerario: parete
difficoltà: I / 5.1 / E3   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Ovest
quota partenza (m): 2160
quota vetta/quota massima (m): 3265
dislivello totale (m): 1105

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: popino
ultima revisione: 29/05/14

località partenza: Strada Rif. Scarfiotti (Bardonecchia , TO )

punti appoggio: Rif scarfiotti

cartografia: IGC 25000 Bardonecchia

accesso:
Da Torino a Bardonecchia, seguire poi le indicazioni per Rochemolles e salire sino in fondo alla strada, sterrata da Rochemolles in poi.

note tecniche:
Parete di circa 350/400 mt, perfettamente visibile dalla piana dello Scarfiotti e da quasi tutte le montagne della conca di Bardonecchia. In primavera ha un caratteristico aspetto a strisce verticali dovuto al susseguirsi di basse dorsali di roccia e poco incavati canali. L'itinerario non sbuca in cima ma ad una inospitale forcella a sud della Torre M. Celeste ( che è ca. 80 mt più alta).
I primi 30/40 mt di discesa dalla forcella non credo siano mai sciabili, è un canalino molto incassato e troppo stretto. La parete offre ivece una sciata molto estetica. Non sottovalutare l'esposizione.
Per la gradazione ho qualche dubbio tra 4.3 e 5.1, ma è certamente più impegnativa del vicino itinerario alla punta NE della Rognosa (4.3)

descrizione itinerario:
Dalla strada sopra lo Scarfiotti è tutto molto chiaro. Seguire l'itinerario del Sommellier fino a quota 2350 ca, dove una palina indica "sentiero Glaciologico Sommellier", verso SX . Attraversare il ponticello e seguire il sentiero che in falsopiano conduce nel vallone della Rognosa. Tenendo come riferimento la Torre M. C. affrontare la parete alla sua DX (senso di marcia) senza percorso obbligato, ma scegliendo in base alla pendenza e all'innevamento.
La pendenza sulla parete è sui 45° abbastanza costante. Si drizza un po' nell'ultimo tratto, ca 50°, e poi nello stretto e incassato canalino finale di ca 60/70 mt.
Panorama un po' precluso dalle pareti di roccia ma ambiente davvero stupendo.

altre annotazioni:
Mi sono preso la libertà di battezzare il colletto a sud della T. Maria Celeste, non nominato nè quotato sulla cartina IGC, "Colletto Luca", per ricordare il mio grande amico Luca, detto il migliore, che un anno fa era con me e Alberto su questa montagna ed ora non c'è più, e mi manca molto. Credo che sia un luogo davvero poco frequentato, d'estate deve essere un inferno!