Gardiola o Gardiora (Cima) dalla Diga di Rochemolles per il Colle della Pelouse

sentiero tipo,n°,segnavia: qualche segno bianco-rosso e alcuni ometti
difficoltà: EE/F :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 2001
quota vetta/quota massima (m): 3137
dislivello salita totale (m): 1136

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura
tim : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: ste_6962
ultima revisione: 28/05/14

località partenza: Diga di Rochemolles (Bardonecchia , TO )

punti appoggio: Rifugio Scarfiotti m. 2156. Tel. 0122-901892. E-mail : [email protected]

cartografia: IGC foglio 104 - Bardonecchia, Monte Thabor, Sauze d'Oulx. Scala 1:25000

bibliografia: Guida dei Monti d'Italia CAI-TCI Alpi Cozie Settentrionali

accesso:
da Bardonecchia si seguono le indicazioni per Rochemolles, seguendo la stretta strada asfaltata che risale la Valle di Rochemolles, superando prima la frazione Les Issards e poi raggiungendo Rochemolles m. 1657. Da qui la strada diventa sterrata ma in buone condizioni e normalmente percorribile da automezzi normali, sale decisamente con una fitta serie di tornanti e raggiunge prima le Grange Mouchecuite , poi proseguendo a sinistra sale a mezza costa tocca le Grange Chaux (con annesso parcheggio per le salite nel Vallone di Almiane) e prosegue quasi in piano, raggiungendo la diga del Lago di Rochemolles, si costeggia il lago sulla destra fino a raggiungere un’ampia spianata con un ponte a quota 2001 m. dove ci sono ampie possibilità di parcheggio. Circa 9 km da Bardonecchia.

note tecniche:
Presenta una salita che risale un vallone sempre piuttosto ripido che non concede pause fino a raggiungere il Colle della Pelouse. La parte terminale del vallone che porta al colle ad inizio stagione in presenza di neve diventa un pendio-canale decisamente ripido, ma in alternativa si possono salire le facili roccette gradinate sulla destra del canale che portano sotto la croce di legno del colle.
La cresta finale presenta un percorso divertente, e quando è innevata diventa un percorso di misto con alcuni facili passaggi di arrampicata, nel suo insieme non è banale (F), mentre in veste estiva è da considerarsi EE/F.
al Lago di Rochemolles al Colle della Pelouse è presente un buon sentiero, a tratti segnalato, che si riesce ad individuare bene e porta senza possibilità di errore al colle, sulla cresta e appena sotto sul versante francese si trova qualche ometto ad indicare il percorso migliore. Ad inizio stagione e fino a metà giugno sono spesso indispensabili piccozza e ramponi

descrizione itinerario:
Attraversato il ponte di quota 2001 m si volge a sinistra per imboccare una stradina sterrata che prima in piano, poi in leggera discesa costeggia il bel Lago di Rochemolles verso sinistra passando nei pressi delle Grange Plan 1989 m e poi ancora in piano verso la diga. A circa metà del lago un cartello indicatore indica l’inizio del sentiero per il Colle della Pelouse, quindi si abbandona la stradina e si segue il sentiero a destra che sale inizialmente verso un piloncino in cemento e poi piega a sinistra alla base di una prima balza rocciosa, che supera con alcune diagonali, con tratti scavati nella roccia. Superata la balza il sentiero sale subito ripidamente su pendii erbosi e qualche tratto di sfasciumi, prendendo quota gradualmente e senza indugi, con alcune serpentine e tratti diretti anche piuttosto ripidi. Il sentiero ha qualche segnavia bianco-rosso ma ormai quasi sbiadito, e qualche tratto che si perde in alcuni pendii erbosi però si riesce a seguire bene, e in condizioni di visibilità buona non ci sono problemi di orientamento. Sempre su terreno ripido, prima direttamente e poi con una serie di serpentine il sentiero risale pendii erbosi e altre balze rocciose (qualche tratto attrezzato con vecchie catene, utili se la roccia è bagnata o vetrata) si raggiunge la conca terminale di questo ripido vallone. Da qui è ben visibile la croce in legno che indica il Colle della Pelouse. Si traversa verso destra e si risale il canalone (innevato fino a metà giugno), oppure sulla destra del pendio si possono utilizzare facili roccette gradinate che conducono alla croce in legno del colle, a quota 2757 m. Dal Colle della Pelouse (cartello indicatore in legno) si deve volgere a sinistra, tenendosi appena sotto il filo della cresta Nord-Est che scende dalla Cima Gardiora salendo per pendii detritici (o neve a seconda del periodo) arrivando alla base del tratto più ripido della cresta. Qui si può risalire lungo il filo superando alcuni gradini rocciosi che comportano alcuni facili passaggi di arrampicata, oppure tenendosi qualche metro sotto sul versante francese, seguendo una vaga traccia e qualche ometto di pietre fino a raggiungere una spalla rocciosa che scende direttamente dall’anticima (quota 3099 m). Dalla spalla si traversa sotto il salto roccioso dell’anticima in diagonale, su facili roccette (o neve) superando un tratto abbastanza esposto, fino a raggiungere un colletto posto tra l’anticima (a sinistra) e la vetta (a destra). Con facile percorso si raggiunge la cima, indicata da un paletto in legno e un ometto di pietre.
In discesa si segue a ritroso lo stesso percorso di salita

altre annotazioni:
Una montagna poco conosciuta e ben poco frequentata, posta sulla cresta di confine tra la Pierre Menue e la Cima del Gran Vallone.
La Cima Gardiora è nota sulle carte francesi dell’I.G.N come “Cime Gardoria”, semplicemente Gardiora sulle carte IGM, e due quote ufficiali, 3125 m per le guide e carte italiane e 3137 m per la letteratura francese. La cima è un notevole punto panoramico con la vista che spazia dal Delfinato, al Monviso e buona parte delle Cozie Meridionali, Centrali e Settentrionali.