Due Mani (Monte) e Zucco di Desio per la Bocchetta di Desio

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1130
quota vetta/quota massima (m): 1666
dislivello salita totale (m): 600

copertura rete mobile
wind : 20% di copertura

contributors: gianmario55
ultima revisione: 27/04/14

località partenza: Provinciale Ballabio-Morterone (Morterone , LC )

punti appoggio: Bivacco GEFO Olginate

cartografia: I.G.C. 1:50:000 n. 22 Val Brembana-Valsassina-Grigne

accesso:
Da Lecco seguire le indicazioni per la Valsassina e raggiunta Ballabio seguire le indicazioni per Morterone. La strada, sempre piuttosto stretta e spesso senza protezioni a valle, inizia a salire a ripidi tornanti. Dopo circa 10 km, in un tratto boscoso, si trova sulla destra un piccolo parcheggio con, proprio di fronte, la partenza del sentiero indicata da un cartello giallo con l'indicazione "Desio-Due Mani".

note tecniche:
Il dislivello indicato comprende le risalite.

descrizione itinerario:
Seguire il facile sentiero che sale alternando tratti pianeggianti a tratti più ripidi, sempre mantenendosi nel bellissimo bosco di faggi. In breve si raggiunge l'ampia spianata erbosa della Bocchetta di Desio (1343 m).
Svoltare a sinistra (Ovest, cartelli indicatori), seguendo il bel sentiero che sale con moderata pendenza in un rado bosco misto.
Usciti dal bosco il sentiero diventa sassoso ed inizia a salire decisamente più ripido. Ad un certo punto s'incontra un bivio i cui rami si possono seguire indifferentemente. Si suggerisce di seguire il ramo di sinistra che, con un lungo diagonale, raggiunge la Sella di Cornalone (1630 m), dove sbucano sia il sentiero n.36, sia la Ferrata Contessi.
Volgendo a destra (Nord) in breve si raggiunge la vetta, caratterizzata dalla grande croce e dal bivacco ad igloo. Continuare sul facile sentiero che raggiunge prima il dosso Nord del monte e poi scende alla Bocchetta di Bertena (1617 m). Sempre verso Nord, in pochissimi minuti, si raggiunge su facile e panoramica traccia la erbosa sommità dello Zucco di Desio (1656 m).
Per la discesa si consiglia di ritornare sulla vetta del Monte Due Mani e ripercorrere il sentiero seguito in salita.