Nero ( Monte) Pendio O

tipo itinerario: parete
difficoltà: I / 3.1 / E1   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1200
quota vetta/quota massima (m): 1754
dislivello totale (m): 250

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: stegio
ultima revisione: 31/03/14

località partenza: Rocca d'Aveto (Rocca D'aveto , GE )

accesso:
Raggiunta Santo Stefano d'Aveto si prosegue in direzione del Passo del Tomarlo. Usciti dal paese si seguono le indicazioni per Rocca d'Aveto / Impianti di risalita.

note tecniche:
Si tratta di un pendio piuttosto breve (fino al Lago Nero circa 300 metri) tuttavia, con buone condizioni di innevamento è una bella discesa tra roccioni e pini mughi, alcuni tratti, ancorchè brevi, sono abbastanza ripidi. Immancabile "boschina infame" per raggiungere il lago....

descrizione itinerario:
La soluzione più pratica è raggiungere la cima del Bue in seggiovia... si può ovviamente risalire le piste partendo da Rocca, meglio se con impianti chiusi e comunque, attenzione a Carabinieri e personale " zelante".
Dalla vetta del Bue, si scendono i facili pendii dell'Anzola (resti del vecchio skilift sulla dx scendendo) sino ad un pratone detto "della Madonna", la dorsale che porta in vetta al monte Nero è proprio di fronte. Normalmente gli sci si tengono per una buona parte, procedendo su una bella cresta sino ad alcuni passaggi rocciosi ( cavo metallico in un paio di punti) che, sebbene facili, obbligano la prosecuzione a piedi. dalla cima del Bue, un'oretta buona. Ramponi ed eventualmente un pezzo di corda possono tornare utili. Dalla vetta, puntare al lago Nero sottostante, scegliendosi i pendii a piacimento, in un bel contesto ambientale. Giunti al Lago, lo si contorna sulla destra ( senso di marcia) puntando ad un pendio boscoso che riporta al prato della Madonna. ( normalmente sono presenti tracce di ciaspole... ma il percorso da seguire per rientrare è logico)