Aiguillette (Monte) - anticima ovest per la valle Brusalana

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 1848
quota vetta/quota massima (m): 3171
dislivello totale (m): 1323

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: GIORGIOBI
ultima revisione: 23/03/14

località partenza: Chianale (Pontechianale , CN )

cartografia: IGN 3637 OT - Fraternali n. 11

bibliografia: J. Charles Campana. Blu. Dal colle della Maddalena al Moniviso

accesso:
Risalire tutta la strada della val Varaita fino a Chianale dove in inverno è normalmente chiusa dall'ex dogana m.1848, in stagione avanzata proseguire fino alle grange del Rio m.2004.

note tecniche:
Il vallone Brusalana è il primo che sovrasta verso nord l'esteso piano di Soustra nel vallone omonimo. Subito dopo si trova il vallone del Pis che è anche la salita classica da sud alla cima dell'Aiguillette e più a monte il vallone Bonafonte che permette anch'esso di salire l'Aiguillette (itinerari già ben descritti sul sito).
La parte bassa è difficile da trovare in buone condizioni, la neve qui sparisce in fretta. Il percorso da grange Bernard è molto logico e diretto, privo di vere difficoltà svolgendosi costantemente su pendii a moderata pendenza e porta ad un'ampia sella quota 3088 m. posta sotto la cresta sud est del Pic Brusalana dalla quale verso est per facile itinerario di cresta si perviene alla sciistica quota 3171.
Da qui volendo si può raggiungere la vera cima del Monte Aiguillette con qualche saliscendi e difficoltà variabili a seconda delle condizioni della cresta.
Le quote indicate della sella e dell'anticima sono prese dalla cartografia francese.

descrizione itinerario:
Dalla sbarra della ex dogana(m.1848)seguire la strada x il colle dell'Agnello fino alle grange del Rio (m.2004), da qui imboccare il vallone di Soustra fino a raggiungere il lungo pianoro a quota m. 2155 dove si incontra un primo gruppo di baite(grange Bernard).
In corrispondenza di queste, o poco prima, reperire il miglior passaggio in funzione dell'innevamento (in genere un lungo e sinuoso canale ma attenzione alle valanghe)che permette di superare la prima parte del vallone e di raggiungere i più tranquilli pendii mediani.
Continuare a salire la valle Brusalana senza percorso obbligato avendo come riferimento la cresta rocciosa che delimita a sinistra il vallone e che sorregge la cima delle Rossette. Toccata una piccola conca che d'estate ospita il minuscolo lago delle Rossette si sale verso il fondo del vallone dal quale si esce su pendio un po più ripido verso dx raggiungendo un'ampia sella sul confine Italia-Francia appena sotto la rocciosa cima del Pic Brusalana. Verso dx seguendo la cresta o talvolta poggiando sul lato francese si raggiunge la quota 3171 dopo la quale il percorso perde interesse sciistico.