Toino (Colle) da Tornetti

difficoltà: MS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord-Est
quota partenza (m): 1130
quota vetta/quota massima (m): 1475
dislivello totale (m): 505

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: robertoar
ultima revisione: 13/01/14

località partenza: Tornett (Viù , TO )

cartografia: Carta Fraternali 1:25000 Valli di Lanzo

accesso:
Da Viù salire a Tornetti. All'ingresso dei Tornetti anziché prendere la solita via per l'Alpe Bianca prendere a sinistra, passare ai piedi dell'abitato e lasciare l'auto al piazzale-parcheggio.

note tecniche:
Visto di fronte mi era parso un itinerario interessante, per quanto molto breve. Percorrendolo, i boschi della parte mediana in verità si sono rivelati più fitti del previsto (per questo il tratto mediano come difficoltà potrebbe essere un BS). Questo itinerario potrebbe essere rivolto a chi con gli sci ha già percorso le Valli di Lanzo in lungo e in largo e vuole provare qualcosa di un po' nuovo (non ho trovato da nessuna parte delle notizie sul Colle Toino con gli sci). Da percorrere in inverno, con molta neve e un fondo compatto. NOTA: i locali pronunciano Tòino.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio scendere per la stradina che conduce alla case di Balma (piccolo cartello: "Palestra di roccia"; questa stradina non viene sgombrata dalla neve). Giunti davanti alle pittoresche case di Balma, acquattate sotto un roccione, continuare sulla stradina che svolta a destra, oltrepassare un cancello (quota 1050). Da qui in avanti la stradina inizia a salire. Continuare a risalirla superando alcuni tornanti, fino a giungere alle Case Cusai. Lasciarsi queste case sulla destra e risalire la soprastante serie di ampie radure. Alla fine delle radure, dove il pendio si fa ripido e poco percorribile, piegare a sinistra e risalire in mezzacosta cercando la via migliore nel bosco piuttosto fitto. Appena sulla destra il bosco diviene più comodo, salire in questa direzione (Sud-Ovest). Traversare la traccia di una stradina quasi pianeggiante e poi una seconda traccia, puntando nettamente a sinistra del ripido ed evidente panettone nevoso del Monte Ciarm. Ora il bosco è rado e facilmente percorribile. La sella del Colle Toino è facilmente individuabile perché dietro di essa si vede il castello roccioso della Testa Pelà.