Castello (Rocca) cresta Nord

L'itinerario

difficoltà: D :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1950
quota vetta (m): 2452
dislivello complessivo (m): 500

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: pasupà f.gulliver
ultima revisione: 22/09/15

località partenza: Chiappera (Acceglio , CN )

punti appoggio: Rifugio Campo Base Chiappera

accesso:
lasciato a sinistra il Rifugio Campeggio Campo Base (1690 m), si continua sulla rotabile che risale il Vallone del Màurin. Dopo due tornanti, presso un piccolo spiazzo, si lascia lo stacco del sentiero per il Colle Gregùri (cartelli per il "Colle di Rui"), e si prosegue su fondo sterrato: portatasi sul versante destro idrografico del vallone, con un ampio tornante la strada guadagna quota e, superate le Grange Collèt, raggiunge il vasto, pittoresco ripiano erboso dove sorgono le Grange Rabèt (parcheggio).

AVVICINAMENTO
Si prende un sentiero che costeggia il corso d'acqua, si attraversa il rio e si risalgono gli ondulati pascoli, in direzione delle Grange Rivèro (2083 m).
Superate le grange, il sentiero sale fino a uscire su una larga sella erbosa, da cui si ha una veduta spettacolare sulle pareti della Rocca e della Torre Castello.
Traversando in piano gli splendidi prati, ci si dirige verso il ben visibile Colle Gregùri: poco prima di giungervi, presso alcuni grossi roccioni appena sotto il sentiero, si scende per prati e pietre instabili fino alla base dell' evidente camino che incide il piede della cresta Nord della Rocca Castello (1 ora dalla macchina)

(www.gambeinspalla.org)

descrizione itinerario:
Salire il camino che porta alla grande cengia ovest quindi salire dritti verso sinistra aggirando a destra uno strapiombo (III+).
Proseguire dritto e quando possibile ritornare verso sx guadagnando il filo di cresta tramite un camino, sostando sull' aerea forcella (III+, IV).
Proseguire sul filo (aereo), poi spostarsi sul versante ovest fino alla base di una fessura leggermente strapiombante, salire la fessura (V, 5 chiodi), uscirne a sx e continuare per belle placche (III+, IV).
Proseguire sempre sul filo per poi scendere alla forcella seguente (III), quindi traversare sul versante est (facile).
Scalare la torre fessurata e traversare poi verso sinistra, scendendo un poco per traversare in spaccata un camino (III, IV) raggiungendo così la parte finale della via Sigismondi. Ancora due tiri lungo il filo di cresta e si arriva in cima (III+)