Puy e Pequerel (Borgate) da Fenestrelle, anello

difficoltà: MR   [scala difficoltà]
esposizione: Sud
quota partenza (m): 1161
quota vetta/quota massima (m): 1849
dislivello totale (m): 811

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Giagi
ultima revisione: 24/11/13

località partenza: Fenestrelle (Fenestrelle , TO )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.5 Val Germanasca Val Chisone

descrizione itinerario:
Lasciata l’auto al parcheggio in prossimità dell’ufficio turistico, si percorre via Nazionale costeggiandola per 150 m ca. in direzione del forte e della chiesa passando fra i condomini, per poi imboccare sulla sinistra una strada privata che ben presto conduce alla mulattiera che sale alla borgata Puy. A 1240 m ca. si giunge ad un bivio con un cartello con le indicazioni Pequerel (sulla sinistra) e Puy/Gulietta (sulla destra); prendendo quest’ultimo si sale senza troppa fatica fra costoni di roccia verso le case Gulietta (1460 m) per poi continuare lungo il vallone di Serre San Martino, si prosegue sotto un tunnel di noccioli fino al ponticello che attraversa il piccolo corso d’acqua poco prima della borgata Puy; che già si poteva scorgere da alcuni punti lungo il percorso. Si oltrepassa la borgata salendo fra le case, e appena fuori, su di un piazzale con un cartello che invita a lasciare libero la zona per manovre automobilistiche, si svolta a destra per prendere il sentiero che sale nel lariceto fino a Prà Catinat, dove si incontra la strada per il Rif. Selleries. La direzione da prendere però e quella verso la borgata di Pequerel, ci si stacca dalla strada a circa 1840 m per passare in prossimità di una costruzione bianca visibile dalla strada, e da qui si scende in direzione di Pequerel passando fra pascoli e lariceti, stando al di sotto della strada per il Forte di Serre Marie. Qui alcuni tratti possono risultare acclivi o presentare piccole difficoltà nell’attraversare alcuni impluvi. Si arriva a Pequerel passando all’interno del paravalanghe e trovato sulla destra il fabbricato con l’insegna “Azienda agricola faunistica venatoria Albergian” con numerosi trofei di cervo sulle pareti, si scorge il sentiero che scende verso l’abitato di Fenestrelle già visibile sul fondovalle.