Sasso Remenno via del gio

L'itinerario

difficoltà: 3 / 3 obbl / A3
esposizione arrampicata: Nord
sviluppo arrampicata (m): 30
dislivello avvicinamento (m): 2

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: ilcontevlad
ultima revisione: 08/10/13

località partenza: Val Masino (Val Masino , SO )

bibliografia: guida del gaddi

accesso:
Due sezioni precarie su heads e beaks intervallate da una fessura da friend. Molto estetica.
Voli possibili fino a 10 m se si cade prima della fessura o prima della sosta, ma niente di pericoloso.
Un bel fix del 10 a 30 cm da terra con piastrina per autosicura.
La via è al riparo da pioggia lieve e senza vento.

Materiale: 12 rinvii e 20 singolini, corda singola da 60m, 5 aluheads medio-grossi, 2 circleheads, 1-2 piombi, serie alien, anche offset, BD C4 075, 1, 2 e 3, un paio di micronut e 3 o 4 nut medi, 5 pecker medio-piccoli, 1 tricam rosa, un grapplin hook grande. Spazzola di ferro assolutamente indispensabile, chiodi da roccia invece totalmente inutili.

descrizione itinerario:
Si sale il primo tiro della via dell’appendice, sono 8 pressione, fino sotto il tetto a V dell’appendice (sosta con 2 pressione ed uno spit con maillon). Non conviene proprio fare sosta, ma usarla da intermedio. Si prosegue verso dx lungo l’evidente fessura. Si parte con un copper molto scomodo da mettere, poi un passo su cliff porta ad altri heads su piazzamenti ormai rovinati fino alla fessura orizzontale in leggera discesa (friend medio-grandi). Un bong ottimo dà inizio ad un’altra sezione su fessura svasa (friend offset o tricam) che quando diventa orizzontale si supera con una serie di pecker precari ed heads. Sosta con 2 spit, cordone nuovo e maillon. 30 m esatti da terra. Con 20 m si scende. A3 moderno.

altre annotazioni:
Via di artificiale moderno aperta da Giovanni Ongaro sul settore Martin Sheel (dx) della nord del sasso remenno.