Verde (Rocca la) Thayla

difficoltà: TD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 2450
quota vetta (m): 2540
dislivello complessivo (m): 150

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Elena83
ultima revisione: 29/09/13

località partenza: Grange Servino (Canosio , CN )

accesso:
Risalire la Val Maira fino a Ponte Marmora. Prendere a sinistra in direzione Canosio, superarlo e continuare lungo la strada. Passato Preit, raggiungere le Grange Servino e continuare fino al quarto tornante, ove si lascia l’auto. Seguire per breve tratto la strada, quindi reperire una poco accennata traccia che sale diagonalmente al Vallone Cassin. Affacciarsi ad una bella conca prativa, dalla quale gli speroni sono ben visibili. Continuare facilmente per dossi erbosi fino a portarsi sotto la verticale del marcato sperone. (1h15’)

note tecniche:
Roccia: quarzite di buona qualità. Portare serie completa di friends e nuts, la via è quasi ovunque ben proteggibile. Nessun materiale lasciato in loco.

descrizione itinerario:
L1. Attaccare lo sperone su rocce rossicce una decina di metri più in alto e a sinistra del suo punto più basso (cordino). Salire verticalmente (V+) ad una larga fessura e fino alla sommità del primo pilastrino (V). Andare a dx, salire ad un terrazzino di blocchi (V-), sostando pochi metri sopra ad un secondo terrazzino, alla base di un bel diedro rosso (S1, 30m)

L2. Salire il diedro (VI, V+, cordino su pietra incastrata) sostandone alla sommità (S2, 25m)

L3. Proseguire per rocce più facili e brevi muretti (III, IV), sostando ad una larga cengia erbosa su due spuntoni, una decina di metri a sinistra dell’evidente diedrone rosso (S3, 20m)

L4. Una breve rampa (IV) porta, aggirando a destra un affilato spigolino, al bellissimo diedro rosso che si risale interamente (V, V+), superando in ultimo un tratto più delicato in cui la fessura si allarga (VI). Sosta su comodo gradino con cespuglio (S4, 25m)

L5. Per l’evidente diedro rosso superiore (V) e la bella fessura seguente (V+), uscire alla sommità del pilastro, sostando su spuntone (S5, 25 m)

L6. Una crestina orizzontale (II, III) porta ai pendii erbosi sommitali (S6, 25m)


Discesa: Si segue l’elementare dosso di rocce ed erba che verso NW porta in breve alla sommità di Rocca la Verde (ometti). Poco oltre raggiungere un colletto a sinistra da cui, per tracce di sentiero, si torna nel vallone sotto la parete, e da qui alla macchina. (1h30’)

altre annotazioni:
Foto, tracciato e relazione completa su: www.gapclimb.it/2013uscite/thayla