Corchia (Monte) Un Asfodelo per Paolo

L'itinerario

difficoltà: 5c / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 900
sviluppo arrampicata (m): 530
dislivello avvicinamento (m): 100

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 80% di copertura

contributors: lucaangeli
ultima revisione: 26/09/13

località partenza: Levigliani (Stazzema , LU )

punti appoggio: Rif. del Freo

accesso:
Accesso n.1:
Dal Rifugio Del Freo si scende a foce di mosceta e poi si prosegue verso il passo dell’alpino e da qui in discesa per il sentiero delle Voltoline per un 40’ fino a trovare sulla destra un palo della luce con due segni uno giallo e uno CAI. Si lascia il sentiero puntando un albero, all’altezza del quale procedendo in orizzontale verso dx faccia a valle si incontra una traccia da seguire fino a una pietraia (vari ometti). Giunti alla pietraia si attraversa per comoda traccia raggiungendo una terrazza con grossi blocchi e da qui si sale ad un alberello in alto a destra seguendo degli ometti. Raggiunta la via di lizza si risale fino a lasciarsi un muro a secco sulla destra.
Dopo il muro proseguire lungo il bordo del ghiaione puntando il boschetto da dove si sale l’evidente montagnola di rocce e erba fino alla parete 1h dal Rifugio.
Accesso n.2:
Da Levigliani si sale all’antro del corchia, con la macchina se si dispone del permesso altrimenti a piedi per sentiero circa 1h, dall’antro si salgono pochi tornanti del sentiero delle voltoline fino a trovare il palo della luce sulla SX e poi come per accesso n.1 dall’antro all’attacco circa 20 minuti.
NB è possibile da levigliani sfruttare il servizio navetta, Costo della navetta 2€ per info sulle partenze orari navetta 0584/778405

note tecniche:
Attrezzatura: NDA – 12 rinvii Corde minimo di 60 mt.
Carattere: Via moderna prevalentemente di placca appoggiata, chiodata a fix (S2) nei tratti più facili anche S3.
Roccia: Buona in alcuni tratti da verificare.

descrizione itinerario:
1° Tiro - Bella partenza su roccia ottima con un leggero strapiombino, superato il quale le difficoltà diminuiscono e per roccia/paleo si raggiunge la sosta. - 55 mt tratto iniziale 5c un passo di 6a. dopo III 11 fix.
2° Tiro - Si sale diritti seguendo le facili roccette - 50 mt III+ 5 fix.
3° Tiro - Ancora diritti sfruttando la bella roccia di alcune placchette fino alla sosta sulla sx. - 35 mt 4a 6 fix. (questo e il prossimo possono essere uniti con corda da 70 mt.)
4° Tiro - Si prosegure tenendno a sinistra per placca lavorata - 35 mt 4b 5 fix.
5° Tiro - Tiro di trasferimento lungo canalino con roccia apuanica si deve rimanere sulla verticale della sosta puntando l’alberello che si vede in alto. - 60 mt II/III 3 fix.
6° Tiro - Dalla sosta fix in alto a destra poi per roccia molto bella e appoggiata si sosta su una placca a sx. - 60 mt 4a 6 fix.
7° Tiro - Dalla sosta si và verso dx fino a raggiungere una placchetta e da qui alla sosta (la più scomoda della via). - 40 mt 4c ultimi metri su placca 5a. 5 fix.
8° Tiro - Dalla sosta si traversa sulla sx per risalire una placchetta seguento i fix alla fine della placca si ritorna a dx (cordone) fino in sosta. - 40 mt 5a. 7 fix
9° Tiro - Ottimo per gli amanti della placca che qui è più verticale, con passi non banali. - 50 mt 5c. 12 fix.
10° Tiro - Che la placca sia con Voi - 55 mt 5b. 12 fix.
11° Tiro - Dopo un piccolo strapiombetto iniziale si risale una bella placca appoggiata di marmo fino a un risalto superato il quale su roccia meno bella si esce a sx fino alla sosta. - 35 mt 5a. 6 fix - (questo e il prossimo possono essere uniti con corda da 70 mt.)
12° Tiro - Si sale diritti per facile placca poi un passo da capire per concludere la via. - 35 mt 4c ultimo passo 5a. 5 fix

Discesa:
La sosta di uscita si trova su un vecchio sentiero di cava denominato ‘dei ferruzzini’ si segue questo verso destra fino a superare un caratteristico intaglio nella roccia e da qui seguendo ancora la traccia si raggiunge la normale del Corchia e da questa al rifugio max. 40’.
Se si proveniva da Levigliani non conviene raggiungere il rifugio ma dal sentiero del corchia al bivio per rifugio Delfreo proseguire per cresta su traccia di sentiero fino al traliccio teleferica, superarlo e sempre per traccia di sentiero andare a incrociare la marginetta,e successivamente giù per le voltoline, in circa 1h si torna all’antro.

NB all’uscita fino a raggiungere il sentiero della normale del corchia siamo si su un vecchio sentiero dei cavatori ma bisogna prestare molta attenzione in quanto il terreno è apuanico e da percorrere con le dovute cautele.

altre annotazioni:
Dedicata a Paolo Pinori, che per il suo coraggio, la sua serenità,il sorriso e l’affetto con cui ha insegnato l’arrampicata rimarrà per
sempre nel ricordo di tanti amici.