Breithorn da Grengiols

difficoltà: MC / TC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 979
quota vetta/quota massima (m): 2599
dislivello salita totale (m): 1800
lunghezza (km): 40

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: sergio meroni
ultima revisione: 07/09/13

località partenza: Grengiols (Grengiols , Raron )

punti appoggio: Lax - Grengiols

cartografia: Doc. Top. Cartine Svizzere - n. 274 -264 -265

accesso:
Accesso. stradale
Due sono le possibili alternative di viaggio.
1° Como - Domodossola – Passo Sempione – Briga – si seguono poi le indicazione per i Passi alpini Nufenen – Grimsel – Furka - fino alla località di Grengiols. Punto ideale per la partenza di questo itinerario alla Stazione ferroviaria. (Parcheggio libero).
2° Como – Autostrada svizzera direzione Gottardo – all’uscita di Airolo, seguire le indicazione per la Val Bedretto e Nufenenpass – si scende in val Goms – e si procede in direzione di Briga fino alla località di Grengiols.
Approssimativamente sono 3 ore di viaggio, sia in un senso che nell’altro.

note tecniche:
Bellissimo giro, bellissimi i panorami su entrambi i versanti dove si sviluppa questo tracciato. Serve però una ottima preparazione fisica, non particolarmente difficile e abbastanza agevole il breve tratto di sentiero di bosco. A differenza del precedente (Marjelesee- Gletscherstube m. 2365), questo giro è molto semplice e intuitivo, un dispositivo GPS. non è indispensabile. Purtroppo però il tracciato è visibile sulle cartine ma frazionato su più mappe.
Tempo salita ore 4 Rientro ore 2,30


descrizione itinerario:
Da Grengiols (stazione ferroviaria), lungo la strada principale si passa dal centro paese e si prosegue in direzione di Bacherhyschere. Senza mai abbandonare questa strada principale, si prosegue la salita fino a quota 1110, a questa quota, si abbandona la strada asfaltata per immettersi alla destra, sullo sterrato che porta verso l’altopiano. Inizia ora il tratto più impegnativo e duro di questo itinerario. La strada è larga, lo sterrato ben compatto, ma la pendenza della strada non consente spazio a momenti di relax. Con continuità, e una serie di 14 lunghi tornanti, in buona parte immersi nel bosco, si guadagna di quota in modo significativo e solo in prossimità del colle è possibile osservare bellissime panoramiche. (Dal paese al colle m. 1600 di dislivello, in approssimativi 14 Km.), credo bastino queste annotazioni per capire che la salita non è banale. Al colle, non fatevi prendere dallo sconforto, se vi dico che ora dovete ancora salire per 150 m. approssimativi, ma assolutamente anche se vi sentite stanchi e appagati a questo invito non dovete rinunciare. Dal colle, alla vostra sinistra, parte un sentiero molto marcato e segnalato da paline, seguitelo fedelmente e vi assicuro che non avrete rimpianti. Dopo una salita dura e impegnativa, ora questo breve tratto che vi porta sulla cima del Breithorn è fantastico e sbalorditivo. Nel salire verso la cima vi sembra di trovarvi in un altro mondo in un altro luogo, un immenso altopiano si apre davanti a voi con una semplicità di forme e ondulazioni incredibili. Tutto questo, fa dimenticare come d’incanto tutta la fatica e lo sforzo per arrivare fin qui. Bellissimo l’ambiente, bello il panorama e molto facile arrivare in cima con la bike. (Ore 4 per tutta la salita).

Discesa e rientro.
Dalla cima al colle è un spasso scendere in bike. Di una semplicità e bellezza incredibile questa tratto di discesa. Al colle, ora si riprende la larga carrareccia e si inizia la lunga discesa a valle verso Binn. Per ampio sterrato, con ottimo fondo, senza possibilità di divagazioni si scende verso valle dove a quota 1959 vi è la deviazione per salire e poi scendere a valle, ma verso Briga. Nel proseguo della discesa molto omogenea attenzione! alla deviazione ben segnalata a quota 1622. Su questa ampia curva, abbandonare il largo sterrato e imboccare il sentiero che scende a valle immerso nel bosco. Molto divertente e non particolarmente difficoltoso. Questo tratto della discesa si conclude lungo la sponda di un bacino d’acqua e le case di Ze Binne. Dal lago lungo la vecchia strada che era di raccordo con la valle di Goms, da tempo sostituita da una galleria, si costeggia la profonda e impressionante gola dove scorre il fiume, fino all’imbocca della galleria, in questo punto si prende il sentiero ben segnalato sulla sinistra e si scende sul fondo della gola, attraverso un caratteristico ponte in sassom si passa sul versante opposto del fiume e lungo un bellissimo sterrato con un breve tratto di salita, l’unico di tutta la discesa, senza più possibilità di errori di percorso si rientra a Grengiols.