Péas (Col de) da Chateau Queyras, giro del Vallon du Péas per il Col de la Crèche

difficoltà: BC / BC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1350
quota vetta/quota massima (m): 2629
dislivello salita totale (m): 1350
lunghezza (km): 25

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: GERPOK
ultima revisione: 18/08/13

località partenza: Chateau Queyras (Château-Ville-Vieille , 05 )

cartografia: IGN 3537 ET 1:25.000

note tecniche:
Itinerario molto remunerativo sul lato soleggiato della Valle del Guil che percorre i due versanti del Grand Vallon du Péas, in parte sfruttando un perfetto sentiero che corre lungo i resti di un antico canale irriguo, incredibilmente non segnalato sulle carte IGN.

descrizione itinerario:
Da Chateau Queyras si imbocca la stradina in salita nei pressi del semaforo a monte dell'abitato in direzione Meyries-Souliers, svoltando dopo poco a sinistra in direzione della seconda località. La strada serpeggia nella stretta valletta scavata dal Torrent de Souliers, con buona pendenza, e conduce in breve al paesino; lo si attraversa e, di fronte ad una cappella, si svolta a destra (palina con indicazioni Col de Péas) su un ripido sentiero, inizialmente difficilmente ciclabile, poi più abbordabile e con fondo ottimo, seppur sempre impegnativo.

A quota 2.115 si scavalca il costone e ci si immette nel Vallon du Péas, percorrendo uno splendido sentiero balcone, interamente ciclabile o quasi, fino a quota 2.330 circa. Qui, dove si stacca un traccia che scende alla sottostante sterrata che si percorrerà al ritorno, inizia una serie di tornanti ed un tratto più ripido, in cui difficilmente si rimane in sella. Dura poco però, presto si torna a pedalare e si tocca il punto più elevato della gita al Col du Péas 2.629 m.

Per la discesa si torna al citato bivio di quota 2.330 circa, si scende alla strada sottostante e si risale per qualche centinaio di metri, superando la Bergerie Supérieure du Péas. Prima che la strada attraversi il torrente la si abbandona per un'evidente traccia sulla destra, che attraversa il corso d'acqua e inizia un lunghissimo traverso, con andamento pressoché pianeggiante, ricalcando il percorso di un'antico canale irriguo. Il sentiero, non segnalato sulla carta IGN, è perfetto nel fondo e mai esposto, e concede una rilassante pedalata fino al Col de la Crèche. Un breve tratto non ciclabile fa da preludio alla divertente discesa, un alternarsi di tratti veloci e ampi tornanti, che conduce su una sterrata a quota 1.900 circa. Si svolta a destra e, seguendo i sentieri che tagliano la strada, si arriva nei pressi di Meyries. Si scende lungo l'asfalto fino al primo tornante, dove si svolta a destra su una sterrata, risalendo per qualche centinaio di metri fino ad una palina indicante Chateau Queyras sulla sinistra. Una serrata successione di ampi tornantini conduce in breve all'auto.