Allievi (Punta) Via XXV Scuola Mario dell'Oro

difficoltà: 6a / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud-Est
quota base arrampicata (m): 2521
sviluppo arrampicata (m): 650
dislivello avvicinamento (m): 1500

copertura rete mobile
wind : 0% di copertura

contributors: ziocharli
ultima revisione: 05/08/13

località partenza: Val di Mello (Val Masino , SO )

punti appoggio: Rifugio Allievi-Bonacossa

accesso:
Dal rifugio Allievi (3,5/4 ore di cammino dalla Val di mello) prendere il sentiero per il rifugio Ponti e seguirlo per una decina di minuti. Nel momento in cui diviene necessario attraversare il torrente, puntare allo spigolo sud della punta Allievi (dove sale la via Gervasutti). Aggirarlo e risalire sul nevaio il vallone che costeggia la parete. La via attacca per una fessura verticale - a volte bagnata - che oltre un evidente tetto diviene camino. I primi due tiri sono in comune con la via "Filo Logico".

note tecniche:
Via di stampo classico che si sviluppa per fessure e diedri con qualche passo in placca. Molto logica, soprattutto nella prima parte. Soste a spit - da collegare - con anelli di calata e una ventina di spit/chiodi lungo tutto l'itinerario di salita. Indispensabili una serie di friend fino al 4 (doppiandoli dall'1 al 3 BD); una serie di nut. Fettucce e cordini vari. Chiodi e martello potrebbero essere utili ma non indispensabili.

descrizione itinerario:
La seguente relazione è un adattamento di quella già presente sul web.

L1 - V, 50m
Breve rampa appoggiata poi fessura.

L2 - VI, 30m
Continuare per la fessura, ora più verticale.

L3 - VI-, 40m
Proseguire per la fessura che oltre i due tettini, diventa camino.

L4 - V+, 40m
Prendere la larga fessura a destra della sosta, oltre la quale si continu per una rampa erbosa frno alla successiva sosta.

L5 - IV+, 40m
Seguire il diedro appoggiato sopra la sosta, poi traversare in placca all'altezza del primo spit.

L6 - V+, 20m
Arrampicare lungo il bel diedro ad arco.

L7 - VI+, 35m
Dalla sosta spostarsi verso destra, con un passo delicato rimontare un tettino, quindi obliquare a destra puntando ad una serie di lame su di un muretto verticale.

L8 - IV, 40m
A destra della sosta per rocce rotte fino alla cengia mediana della parete.

L8bis
Scendere a sinistra della sosta e attraversare il canale fino ad uno spit. 50m

L9 - V, 30m
Arrampicare sul muretto sopra lo spit, poi proseguire per il diedro fessurato e leggermente erboso (leggermente a sinistra). Non farsi ingannare dalla rampa-canalino con un chiodo (visibile solo se la si sale).

L10 - VI, 45m
Verticalmente con arrampicata atletica per il diedro aperto, con un paio di passi d'uscita delicati.

L11 - VI, 30m
Muretto a sinistra della sosta, quindi per lame.

L12 - VI+, 30m
Proseguire verticalmente, poi prendere il diedro uscendo. Sosta a destra su un pulpito. Arrampicata sostenuta.

L13 - IV, 40m
Seguire il filo di cresta, poi per rocce più grosse.

L14 - IV+, 40m
Camino aperto, poi cresta.

L15, IV, 45m
Seguire il filo di cresta.

L16 IV, 40m
Ancora per cresta fino alla cima.


DISCESA
Dalla normale per la Punta Allievi. Dalla cima scendere per pietroni fino ad incontrare uno spiazzetto con una piccolo spuntone di metallo. Da lì seguire gli ometti e la traccia. La discesa in cordia doppia potrebbe essere un po' tortuosa ma comunque utile in caso di necessità.

altre annotazioni:
Via aperta da L. Cattaneo, D. Galbiati e E. Tanzi il 7 settembre 1986 in stile tradizionale, risistemata da A. Bonfanti e A. Curti il 15 agosto 2012 introducendo soste a spit inox con anelli di calata e qualche raro spit per tiro.