Alphubel dalla Täschhütte

tipo itinerario: ghiacciaio
difficoltà: BSA   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Varie
quota partenza (m): 2701
quota vetta/quota massima (m): 4206
dislivello totale (m): 1505

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura
altri : 20% di copertura

contributors: Larix66
ultima revisione: 17/06/13

località partenza: Täschalp (Täsch , Visp )

cartografia: CNS 1:25000 f.1328 Randa

bibliografia: G. Buscaini, Monte Rosa, ed. CAI-TCI

accesso:
Da Täsch, dove termina la strada pubblica per Zermatt, si sale per una stradina asfaltata molto stretta che all'inizio costeggia il torrente Täschbach(indicazione per Täschhütte) e termina presso le baite di Ottafe, 2205 m, sul fondo del vallone di Täschalp.
Dal parcheggio si prende la strada sterrata ad uso dei gestori del rifugio, che in circa un'ora e mezza raggiunge la Täschhütte a 2701 m.

note tecniche:
L’itinerario rappresenta una valida alternativa alla via classica dalla Längfluehütte e si svolge in buona parte sul versante Ovest, meno antropizzato e privo di impianti di risalita. L’attraversamento di ghiacciai richiede adeguata attrezzatura, preparazione e capacità di valutazione delle condizioni. Il tratto di maggiore difficoltà tecnica si incontra poco prima di raggiungere la vetta ed è in comune con gli itinerari provenienti da Saas Fee. Le condizioni ideali si incontrano a stagione inoltrata.

descrizione itinerario:
Dalla Täschhütte si sale in direzione Est per i pendii morenici di Chummibodmen. Si passa nei pressi di un laghetto a quota 3162 e ci si tiene a destra (Sud) della fascia rocciosa, culminante a quota 3510, che divide in due rami l’Alphubelgletscher.
Raggiunto il ghiacciaio si risale dapprima in direzione Est-Sud-Est fino alla quota di circa 3500 metri per poi deviare a sinistra, dopo un isolotto roccioso che si lascia a sinistra. Si affronta un tratto più ripido con presenza di crepacci, passato il quale per ampi pendii in direzione Est si raggiunge la sella dell’Alphubeljoch a 3771 m, ben distinguibile anche dal rifugio.
Dal valico, senza perdere quota, si percorre verso Nord-Nord-Ovest il versante orientale dell’Alphubel, passando sotto le rocce che sostengono la cima; con una lunga diagonale, facendo attenzione alla crepaccia terminale, ci si porta ad una conca dove ci si congiunge con la traccia proveniente dalla Längfluehütte.
Si risale il pendio in direzione Ovest, a debita distanza dai seracchi presenti. La pendenza all’inizio è molto sostenuta ma si riduce leggermente in vista della cresta sommitale, che percorsa quasi in piano verso Sud conduce alla vetta a 4206 m. La discesa avviene per lo stesso percorso.
Dall’Alphubeljoch è anche possibile raggiungere la vetta a piedi per la cresta Sud-Est; il tratto finale è esposto e piuttosto ripido, classificato PD-.