Fontane Fredde (Costa delle) quota 2220 m da Fei

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 823
quota vetta/quota massima (m): 2220
dislivello salita totale (m): 1450

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Blin1950
ultima revisione: 09/06/13

località partenza: Fei (Locana , TO )

cartografia: L'Escursionista - carta dei sentieri n. 14

bibliografia: CAI_TCI Gran Paradiso

note tecniche:
La quota 2220 della Costa delle Fontane Fredde, è posizionata a circa 900-950 metri a nord-ovest delle Alpi Giua inferiori; quotata e ben rappresentata sulla carta IGM, tavola Fornolosa, non rappresentata e non quotata su Carta dei sentieri n° 14, Valle dell’Orco Gran Paradiso, L’Escursionista-Monti editori .

descrizione itinerario:
Superata la borgata Fei, la mulattiera, si diparte a sinistra, marcata con tacche blu, sale piuttosto ripidamente fino a raggiungere la borgata Mesonette (q. 1041) immersa nel bosco e ormai decadente. Superate le case (pilone votivo sulla dx) il sentiero continua ad inerpicarsi in direzione nord finchè intorno a q. 1100 piega sulla sinistra, diminuisce la propria pendenza e si snoda più o meno a mezza costa per un tratto. Percorsi circa 300m la pendenza torna quella iniziale e, superate le case Barrera (q. 1272), si guadagna rapidamente quota con successive risvolte muovendosi sempre nel bosco fino a q. 1506 dove si incontra un bivio. Svoltando a destra si andrebbe alla frazione Meinardi al suo noto santuario di S. Anna (indicato su una pietra in corrispondenza del bivio), prendendo invece il ramo di sinistra ci si muove direttamente verso la nostra meta.
Di qui in poi le tacche del sentiero diventano rosse e meno evidenti per cui è necessario prestare un po' di attenzione. Dopo un tratto in piano o quasi la traccia svolta decisamente a destra e inizia a salire rapidamente a tornanti fino intorno a q. 1700 quando rivolgendosi a est percorre un tratto in costa a pendenza moderata fino al gruppetto di baite q. 1755. Subito dopo i primi edifici il sentiero piega a sinistra (N) e attacca abbastanza direttamente il pendio. Le tacche rosse sono in questo tratto ancora meno evidenti che nel precedente per cui è facile perderle, ritrovarle e riperderle.
Fortunatamente ci si trova ormai fuori dal bosco, la visibilità è ottima ed è facile muoversi anche senza seguire una traccia obbligata. Prendere come riferimento un evidente gendarme di pietre accatastate che diviene presto visibile. Tenendo quest’ultimo sulla nostra sinistra si risale il prato in pendenza e si giunge ad un nutrito gruppo di baite (q. 1917) dell’Alpe Giua inferiore.
Si prosegue a salire verso nord-ovest, tralasciando a destra il Casotto del Guardaparco, giungendo in breve all'alpeggio di quota 2000 circa (Alpe Giua superiore), su sentiero ora più evidente, superare le baite a sud e seguire il marcato sentiero verso ovest fin sotto un primo spuntone, subito dopo al bivio salire a destra puntando alla depressione a monte dello spuntone.
Salire brevemente la dorsale erbosa e seguire un sentiero ( in realtà è la sede dell'acquedotto delle baite) che con percorso pianeggiante taglia, sul versante Piantonetto, il fianco N-E di Quota 2220. Percorrere detto sentiero per circa trecento metri; ora a sinistra risalire un poco marcato canale di erba e rododendri, su leggera traccia di animali, che risalendolo porta ad un colletto subito a monte della vetta. Risalire pochi metri a sinistra e si è in vetta (m. 2220).
N.B. a sinistra c,è un grosso roccione di circa pari altezza che si può risalirlo, aggirandolo a sinistra (Piantonetto) per pietraia, risalire alcuni blocchi ed infine di forza in una spaccatura.