Ceresa (Poggio) e Poggio Grande da Salea, anello per la Valle Ibà

sentiero tipo,n°,segnavia: Sentiero Triangolo rosso, P1, anello rosso, quadrato rosso, niente.
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 85
quota vetta/quota massima (m): 813
dislivello salita totale (m): 900

copertura rete mobile
tim : 73% di copertura

contributors: Giada
ultima revisione: 05/05/13

località partenza: Salea (Albenga , SV )

cartografia: Cartina della Comunità Montana Ingauna

accesso:
Il cimitero di Salea si trova in cima al paese, dopo la chiesetta di San Giacomo. Posteggio.
ATTENZIONE STRADA CHIUSA DA SBARRA DOPO LA CHIESETTA DALLE 17 ALLE 8. In alternativa si può posteggiare in cima al paese di Salea in un piccolo posteggio prima di arrivare alla chiesetta. Poche centinaia di metri prima di questa e fare l'ultimo tratto di asfalto in salita a piedi.

note tecniche:
Dal posteggio del cimitero di Salea si imbocca la strada sterrata e subito dopo un sentiero a destra con segnavia un triangolo rosso vuoto. Si sale con ampio sentiero lungo il costone del monte Pesalto fino a raggiungere il crinale tra il Poggio Ceresa a sinistra e il Monte Pesalto a destra, dalla depressione tra le due montagne si prosegue a sinistra lungo traccia/sentiero fino in vetta.
Giunti sul Poggio Ceresa m. 710, Cappelletta e numerosi ripetitori televisivi e telefonici, si prosegue (segnavia quadrato vuoto rosso) sulla stradina sterrata in discesa in direzione del Poggio Grande dove si trova il Forte ottocentesco dei Due Fratelli, si abbandona la strada che va al Santuario, e si sale al Poggio Grande m. 813, cartelli indicatori.

(Possibilità di accorciare il giro con rientro alla Valle Ibà, subito alla sella sotto al Poggio Ceresa, dove a destra seguendo una traccia verso il mare, nei bei prati, si arriva ad incrociare il sentiero (partito poco sopra dalla strada) segnavia P1 e cerchio rosso che scende in Valle Ibà. Bel boschetto, casella in pietra e animali al pascolo. Attenzione in alcuni punti la traccia non è ben evidente e attenzione negli attraversamenti vari del ruscello che son insidiosi e che in alcuni punti il sentiero utilizza il letto del ruscello per avanzare. Quindi il tratto di sentiero in basso di fianco alle pareti in pietra dove si deve seguire il letto del ruscello non è praticabile in caso di molta acqua)

(Possibilità di evitare il Poggio Grande arrivando tramite la strada al Santuario.
Prima del Santuario, all’altezza di un palo della corrente, vi è il nostre sentiero di discesa)

Dal Poggio Grande si scende direttamente sulla strada al Santuario di Monte Croce m.735, si svolta a destra sulla strada e tornando brevemente verso il poggio Ceresa, all'altezza di un palo della luce, si prende il sentierino, sulla sinistra della strada, segnavia P1 che scende in Valle Ibà. Impegnativo.
Fare attenzione ai vari attraversamenti del ruscello che sono insidiosi e a non perdere il sentiero/traccia che in alcuni punti segue e attraversa il letto del ruscello.
Giunti ad un pianoro erboso con i ruderi di una casa sulla destra (Casa Trinchella) e area pic nic, si trova una strada sterrata, si attraversa un bel ponte in pietra e si segue la strada sterrata che costeggia il bel ruscello, che alterna tratti in secca a bei laghetti e cascatelle (fenomeno dovuto allo scorrimento sotterraneo dell’acqua), si cammina ora da un lato, ora dall’altro del rio con qualche guado fino a giungere fin in fondo alla Valle Ibà.
Dopo il cartello indicatore e il bivio per Peagna a sinistra, spiazzo erboso alla nostra destra e sentiero di salita al Monte Pesalto, (attenzione da questo punto in poi non c'è segnaletica fino all'immissione sul sentiero dell'andata poco sopra al cimitero di Salea, e si attraversano in alcuni punti tratti di vegetazione fitta e tratti di sentiero fangosi) proseguire sulla sterrata per circa 100 metri, si trova a destra una sterrata che torna indietro, la si imbocca, superato un tornantino, si lascia un bivio a sinistra in discesa, ora la strada finisce e diventa sentiero, si prosegue brevemente in leggera salita verso il Pesalto, per dirigersi poi seguendo la traccia principale verso sud, si tralasciano delle tracce sulla destra per proseguire verso l’aggiramento a sud del monte Pesalto. Si costeggiano degli uliveti, discesa di fianco a questi e si prosegue con leggeri saliscendi fino ad arrivare ad immettersi su un largo sentiero (quasi strada) e proseguire a destra in leggera salita. Ora di nuovo sentiero, e spesso fangoso, in alcuni punti la vegetazione è molto invadente ma non ostacola il passaggio. Seguire la traccia principale, arrivati a un gruppo di pietre le si aggira sulla sinistra in discesa, ora il sentiero va diritto su un piano/dosso, si tralascia una traccia a sinistra e poco dopo, dopo aver passato una roccia che taglia in sentiero, si devia a destra, la traccia prosegue per alcuni metri in piano e poi inizia a scendere. Si vede ora in basso davanti a noi verso sinistra un gruppo di case dirute dove andremo a finire col sentiero, si segue la traccia principale che va verso destra e si finisce in un uliveto. Lo si costeggia e si giunge su una strada, la si segue fino al gruppo di case dirute, qui, albero, si devia a destra su stradina, si lascia a sinistra un acquedotto su ponte in pietra e si segue il sentiero in salita al limitare destro dell'uliveto. Si prosegue in salita, si passa un palo della luce e si va in direzione ovest, quando il sentiero pianeggia si incontrano alcuni segni (due righe azzurre e nere) ed in breve si arriva ad incrociare il sentiero di salita nel boschetto di pini poco sopra al cimitero di Salea, segno arancione all'incrocio, ora non resta che seguire il sentiero in discesa fino al cimitero.

descrizione itinerario:

altre annotazioni:
La Valle Ibà è Riserva Naturale regionale del Rio Torsero.