Titani (Parete dei) Venus

difficoltà: 6b+ / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
quota base arrampicata (m): 2200
sviluppo arrampicata (m): 350
dislivello avvicinamento (m): 400

copertura rete mobile
tim : 30% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 35% di copertura

contributors: Sergio
ultima revisione: 03/09/14

località partenza: Arnouva (Courmayeur , AO )

punti appoggio: rifugio Dalmazzi

bibliografia: Mani Nude arrampicata sportiva in valle d'Aosta

accesso:
Autostrada A5, uscita Courmayeur, direzione tunnel monte Bianco. All' ultimo tornante svoltare a dx direzione la palud - val Ferret (funivie Monte Bianco) e proseguire fino alla fine della strada asfaltata in località Arp Nuova.

Proseguire, quindi, a piedi seguendo il sentiero per il rifugio Dalmazzi. Superata la prima balza si perviene sulla morena che precede l'ultimo risalto prima del rifugio. A circa metà della stessa, una traccia di sentiero porta in pochi passi alla base della via dove sono evidenti i primi spit. 45 min circa.

note tecniche:
Salita attrezzata con spit. Soste con due spit, cordone e maillon di calata.
Discesa in doppia sulla via. Necessarie due corde da almeno 50 m.
Sulla stessa parete sono presenti altre vie che partono nei pressi di Venus.

Giusto per non confondersi....Da sinistra (faccia alla parete):
Pegaso (7c max; 6c+ obbl.) S2
[circa 50 m a sx di Venus, fix dorati]
Ahi Ahi Ahi (7a max; 6b+ obbl.) S2
Venus ou bien venise? (6b+ max; 5c/6a obbl.) S1+
Titanic (6c max; 6b obbl) S2

Dalla cengia mediana:
Titanic attacca circa 10/15 metri più in basso e a destra rispetto alla sosta di Venus.
Venus prosegue da una sosta, posta pochi metri più a destra, con un passo iniziale leggermente aggettante ma facile.
Ahi ahi ahi prosegue sull'evidente muro sopra la sosta.
Pegaso è facilmente individuabile avendo gli spit dorati.

descrizione itinerario:
L1) 6B
L2) 5C
L3) 6A
L4) 6A
L5) 6A
L6) 6B+
L7) 5C
L8) 6B
L9) 6A
L10)4B
L11)3C