Straolgio (Cimone di) da Fondo Li Gabbi

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BRA / F   [scala difficoltà]
esposizione: Sud
quota partenza (m): 1256
quota vetta/quota massima (m): 2151
dislivello totale (m): 950

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura
tim : 20% di copertura

contributors: barrosismo
ultima revisione: 07/03/13

località partenza: Malesco (Malesco , VB )

bibliografia: L.Bonavia, M.Previdoli. Grossi-Domodossola. S.Alp.in Valdossola. N°90

accesso:
Da Malesco (Val Vigezzo) risalire la Val Loana su comoda strada asfaltata e parcheggiare nell’ampio spiazzo a Fondo Li Gabbi (1256 m).

note tecniche:
Consiglio di informarsi presso il Comune di Malesco sulla percorribilità della strada fino a Fondo Li Gabbi.

descrizione itinerario:
DESCRIZIONE ITINERARIO:
L’ambiente selvaggio, la scarsa frequentazione ed i panorami fantastici caratterizzano questa gita ai confini della val Grande.
Da Fondo Li Gabbi (1256 m), seguire la stradina innevata in leggera salita fino alle case della località Fornaci, poi abbassarsi di pochi metri sul fondovalle lungo la pista di fondo. Attraversare dove più comodo il torrente portandosi sulla sinistra idrografica dello stesso. Proseguire dritto fino a quando la traccia entra in un rado bosco di faggi. Indicazioni per Alpe Cortenuovo e Cappella di Terza.
Le pendenze sono docili, con numerosi tornanti si arriva nei pressi di alcuni massi a bordo del torrente e si procede con attenzione nell’attraversarlo. Proseguendo su terreno mai ripido si arriva nei pressi dell’Alpe Cortenuovo (1792 m). Lasciare l’Alpe a sinistra si continua per dossi, in ambiente suggestivo, e si arriva alla Cappella di Terza (1859 m).
Il Colle di Terza offre una vista già memorabile sul Rosa, il gruppo del Mischabel e la Cima Pedum. Da qui volgere a destra e percorrere, eventualmente con piccozza e ramponi, il ripido crinale del Cimone di Straolgio e raggiungere la vetta, caratterizzata da un cumulo di pietre. Panorama estesissimo: Rosa, Mischabel, Weissmies, Leone, Aletschorn, Finsteraarhorn, le cime della Val Grande e a perdita d’occhio fino a Bernina, Disgrazia, Orobie, ecc.
Discesa per l’itinerario di salita.