Registrati! Condividi le tue gite e i tuoi posti preferiti, scarica le tracce, trova degli amici e tanto altro

Chardonnet (Tour du)
per Col Chardonet, Finestra Saleina, Col du Tour, Col sup. du Tour

Col Superieur du Tour

quota di partenza (m): 1500
quota vetta (m): 3320

tipo itinerario: ghiacciaio

difficoltà: OS :: [scala difficolta]

esposizione preval. in discesa: Nord

località partenza: Argentière (Chamonix-Mont-Blanc, 74)
punti appoggio: Ref .Albert 1er

copertura della rete cellulare

  • tim : 40% di copertura

Contributors: sw
Ultima revisione: 29/1/2013


vedi anche: Mont-Blanc di lionel Tassan avec Pierre Tardivel

note tecniche:
Prevedere materale alpinistico.

descrizione itinerario:
Salita con funivia ai Grand Montets, discesa sul ghiacciaio dell'Argentière, risalire al colle du Chardonnet, discesa sul ghiacciaio de Saleina, risalita alla Fènetre de saleina, traverso ascendente al col du Tour e discesa fino al rifugio Albert 1er su destra orografica.
Il secondo giorno, dal rifugio risalire il ghiacciaio destra orografica, superare il culoire della Table e dirigersi al Col superior du Tour.
Dal colle scesi i primi 200 ripidi metri (35-40°) traversare il plateau e scendere il ghiacciaio du Tour fino all'omonimo paese tenendo la sinistra orografica.

Qualche fotografia

Altri itinerari zona

chi ci e' stato

09/03/14 - ppoli

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Parcheggio alla partenza del Gran Montets
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Gita fatta in 1 giorno. Dal Col sup di Tour discesa sulla sx orografica del ghiacciaio fino a Tour. Discesa infernale causa crosta non portante, neve rotta, ventata e chi piu ne ha piu ne metta!
Per la calata in doppia dallo Chardonnet utile corda da 60 m (noi fatta con 40 m e i m mancanti li abbiamo fatti non legati, in mezzo al traffico...
Con Albi, Luisa e Edo.


[visualizza gita completa]

08/03/14 - ivo63

osservazioni :: visto cadere valanghe a lastroni
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Libero
attrezzatura :: scialpinistica
Gita di ripiego a causa di impianti chiusi Aiguille du Midi a causa del vento forte gita prevista Periades con attraversamento... Anche Grand Montet chiuso ,partiti da Lognan alle 11 , alla fine arriviamo al colle Chardonette troppo tardi per continuare....ambiente favoloso, neve crostosa difficile da sciare nella parte sci alpinistica, sulle piste ovviamente bello.....con Dario, Omar, Mauri e qualche problema da risolvere......

[visualizza gita completa]

08/03/14 - coste

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: in provenienza dal Vallese nulla da segnalare
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Impianti dei Grands Montets chiusi per vento, partiamo da Lognan alle ore 9.
Ribattiamo una traccia che sale lungo il fianco sinistro del ghiacciaio dopo avere preso il bivio a sinistra sulla pista e risalito per pochi metri il pendio poco prima del tunnel. Tutti gli altri (pochissimi per il posto) restano sulla pista, ma poi dovranno scendere. Traversiamo in corrispondenza della traccia che sale al Col du Passon e ci portiamo sul margine opposto sotto i ripidi fianchi (attenzione) che scendono dall'Aig. du Chardonnet. All'inizio c'è da superare una terminale insidiosa.
Arriviamo alla base del pendio che porta al Col du Chardonnet e puntiamo alla sua estremità destra. Per non avere messo i coltelli perdiamo almeno 40 min. a risalire il primo pezzo ripido su neve crostosa, arriva una coppia di francesi, togliamo gli sci e saliamo a piedi una 50 di metri. Poi la pendenza diminuisce e si sale bene nella conca molto ampia. Sul lato sinistro salgono in quattro. Saremo i soli nella giornata. Ci raccordiamo in prossimità del colle che si raggiunge sci ai piedi.
Discesa in doppia con corda da 60 mt. sul primo ancoraggio, il secondo è ben visibile sulla destra faccia a monte, ma scendiamo a piedi senza ramponi su buone peste in neve farinosa. Quasi una decina di persone sta salendo dal lato Saleina. Scendiamo solo in 4, un solitario francese scende sci ai piedi derapando con un paio di Merelli. Due andranno alla Fenetre du Tour (tracciata in discesa, da risalire a piedi). Noi e il "Merelli" proseguiamo il lungo tour.
La Fenetre di Saleina si sale sci ai piedi, pendio tritato dalle discese, molto ripido, inversioni abbastanza difficili e esposte.
Sul Plateau du Trient ci si rilassa, arriviamo al Col Superieur du Tour.
Iniziamo la lunga discesa su Le Tour, pendenze sempre sostenute, canale iniziale bello largo, spazi enormi, in picchiata sul piccolo villaggio.

Meteo: gran bello, dalle 9.30 assenza di vento, non una nuvola, temperature ideali.

Itinerario: lungo, molto vario, panorami ovviamente bellissimi e sempre diversi, si vedono quattro diversi e ben distinti valloni, ghiacciai, anfiteatri.

Neve: nota dolente, il vento ha imperversato da venerdì sino a sabato mattina su tutti i versanti. Crosticina, sastrugi per fortuna morbidi, qualche tratto portante molto divertente viste le pendenze, finale invece strepitoso tutto a sinistra (molto a sinistra) in un metro e mezzo di polvere non toccata dal vento (tre stelle per questo tratto).

Note: diversa gente verso la Cab. du Trient (aperta), una bella traccia di discesa dal Col de la G.de Lui (credo), un pò di gente al Col du Passon con discesa su Le Tour o al Col du Chardonnet in senso inverso per la Fenetre de Saleina e per la Fenetre du Tour.
Pareti nord tutte in ghiaccio grigio, nessuna traccia.
Passaggio su una Porsche per recuperare l'auto ad Argentiere :-)
Argentiere Lognan eur 13,20. Provenendo dal Sempione nessun altro costo, tranne una eccellente cena a Varzo con ottima birra "agricola".

[visualizza gita completa e altre foto]