Carpior (Costa) quota 2635 m da Berchiotto, possibile anello per il Monte del Prà

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1230
quota vetta/quota massima (m): 2635
dislivello salita totale (m): 1600

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: francoc59 garbo
ultima revisione: 20/10/12

località partenza: Losa di Ferro (Frassinetto , TO )

cartografia: Escursionista Val Soana-Ribordone-Locana n 15

bibliografia: cai tci rosa dei banchi

accesso:
Da Berchiotto seguire in auto la strada interpoderale che porta a Monteu.
Quando la strada scende a sx verso il guado si parcheggia
km 3,9 da Berchiotto

note tecniche:
La Cresta Carpior scende dal Monte del Prà a dividere il vallone di Canaussa da quello di Codebiollo o Verdassa,le quote 2635m e 2585m sono le quote massime della Cresta Carpior un tempo chiamate dai pionieri dell’alpinismo Cuorgnatese Cima Carpior.la cresta scende verso la Valle Soana e ai 2302m si trova quella che oggi è la Cima Carpior, più in basso si biforca terminando con a dx il Monte Alto e a sx il Monte Betassa sopra al borgo di Mombianco.

descrizione itinerario:
Ci si incammina sullo sterrato che prosegue dritto e dopo pochi metri raggiunge le baite Losa di Ferro 1235 m, 60 passi dopo le baite si abbandona la strada e si sale a dx rintracciando subito il sentiero che si inoltra nel vallone di Codebiollo.
il sentiero passa vicino alle baite Rosetta 1270 m più avanti attraversa il rio dei Piani e sale all'alpe Chiorie 1340 m. Si sale ancora un tratto poi in leggera discesa scende alla Cavanna di Gaba 1423 m.
Poco oltre l'Alpe un cartello blu con scritto Mionda indica la via per il suddetto lago, ignorata questa indicazione si scende ad attraversare il rio Verdassa. Sull'opposta sponda si può già notare un po' più in alto l'Alpe Balma Marchello 1470 m contraddistinto dalla presenza di un verde scuro abete rosso solitario.
dall'alpe Balma si sale diretti su traccia ben visibile all'Alpe Pian Saler 1593 m.
si prosegue sempre su buone tracce e si giunge all'Alpe Cupela 1790 m.
con la cima Carpior sempre visibile si prosegue al vicino alpe Charlemont , si aggira l'alpe spostandosi un pochino a dx poi si sale diretti fino ad un alpeggio a 2020 m da qui si prosegue a sx con un traverso in leggera pendenza fino alla dorsale dove sempre con scarne tracce di sentiero si arriva alla cima Carpior.
In vetta triangolo Cai Rivarolo. Dalla cima Carpior non resta che seguire la lunga ma facile e panoramicissima cresta che divide il vallone di Codebiollo da quello di Canaussa e salendo tra le varie quota arriva ai 2635 m punto culminante della cresta Carpior. Da quì tempo e voglia permettendo si può raggiungere in poco tempo con un tratto di cresta appena più difficile il Monte del Prà 2720 m e il bellissimo pianoro di Pian Talorn. Tra il Monte del Prà e Pian Talorn un canalino inoltra direttamente nella conca del lago Mionda o Verdassa da dove scendendo all’alpe Mionda 2170 m con il sentiero a mezza costa sotto alla cresta Carpior si rientra all’alpe Charlemont 1996 m e da qui x l’itinerario di salita. Se non si volesse proseguire per il Monte del Prà si ritorna alla quota 2502 m e si scende ad una grossa torretta di pietre versante Codebiollo e seguendo la dorsale si raggiunge l’alpe Mionda 2170 m.


Se si percorre questo itinerario solo in Discesa (come il sottoscritto Garbo 19 10 2013)fare attenzione poco sotto il laghetto superiore della Mionda:
La traccia sulla cartina MU e' sbagliata !!
occorre, arrivati ad un ometto con grosso quarzo bianco,
traversare decisamente a dx (ovest) per una cengia abbastanza evidente
la traccia poi si perde e occorre tenersi abbastanza alti rispetto al lago della Mionda e a vista puntare al suo inizio.