Aimonin (Torre di) Fantaghirò

difficoltà: 7b+ / 7a obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 1200
sviluppo arrampicata (m): 190
dislivello avvicinamento (m): 180

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: rocco
ultima revisione: 23/09/12

località partenza: Noasca (Noasca , TO )

bibliografia: Valle dell'Orco - M. Oviglia

note tecniche:
Bella via di placca firmata da Motto, Sartore, Predan e Perucca, anno 1991.
E' l'unica via che prosegue oltre la cengia che segna il termine di tutte le altre vie della parete.
Presenta passaggi difficili e spesso obbligatori, specialmente sul 1° e 3° tiro.
Il 5° tiro è stato da poco liberato, con difficoltà intorno al 7b+.
Richiodata recentemente ad opera di A. Trombetta, insieme a buona parte delle vie della parete.
La chiodatura è sempre piuttosto essenziale, ma mai troppo pericolosa.

descrizione itinerario:
La via è costituita da 5 tiri in tutto.
1°: placca subito difficile, con passaggi in aderenza aleatori e poco intuitivi (7a), poi più facile fino in sosta, con tuttavia ancora un passo molto tecnico.
2°: tiro relativamente facile, ma con chiodatura più distanziata (6a+)
3°: placca a microappigli e appoggi aleatori, di non facile lettura, chiodatura ottima, ma obbligatorio severo (7b, tiro chiave).
Breve trasferimento su cengia alla base della parete superiore.
4°: muretto iniziale non facile, con passi di dita ed equilibrio, poi più facile fino in sosta (6b+/6c).
5°: diedrino tecnico, traverso a dx delicato, poi dura sequenza di dita su fessurino obliquo, con un paio di passi piuttosto violenti (7b+ o 6c con 2 p.a.)