Ben Nevis (summit) Carn Mor Dearg Arete

L'itinerario

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 280
quota vetta/quota massima (m): 1344
dislivello salita totale (m): 1400

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: sensacugnisiun
ultima revisione: 06/08/12

località partenza: Glen Nevis Falls ( , )

note tecniche:
Bell'itinerario di cresta, abbastanza esposto ma che non richiede particolare attrezzatura. Ottima alternativa al frequentatissimo sentiero che sale dal visitor center appena sopra Fort William. La traccia è sempre presente anche se non indicata, alcune zone possono diventare problematiche in caso di scarsa visibilità. La cima è un ampio pianoro detritico su cui l'unica traccia visibile per i numerosi passaggi è quella dell'autostrada della normale, se si finisce (come probabile!) in una nuvola conviene seguire quella. E' molto facile infatti finire in uno dei canaloni del lato N che iniziano bonari ma che presentano poi salti di roccia.

descrizione itinerario:
Da Fort William seguire la valle del Nevis oltrepassando il visitor center e proseguendo fino al termine della carreggiata (parcheggio abbastanza ampio). Prevedendo la traversata e la discesa per la normale conviene avere un auto al visitor center. Un buon sentiero sale nel bosco dentro la gorgia del Nevis. Dopo 10min. di cammino verso E la gorgia si apre negli splendidi e fioriti Steall Meadows, continuare verso E fino alle evidenti cascate e raggiungere dei ruderi in pietra. Abbandonare il sentiero principale prima di un ponte e piegare a nord su ripida traccia. In pochi minuti la visuale spazia su gran parte della vallata e superati ripidi pendii di terra ed erba scivolosa si perviene ad una zona più pietrosa che conduce al colle (830m) tra Cairn Mar Dearg e un'elevazione a dx. La prima parte di cresta per il Cairn Mor Dearg (1220) è larga e comoda, la seconda più stretta e rocciosa. Dalla prima cima scendere qualche decina di metri e iniziare la traversata verso il Ben su un'aerea e splendida cresta di granito, quasi sempre camminabile ma ostica se bagnata. Raggiunti i vari ometti ed il bivacco sommitali non resta che seguire le 5 miglia del sentiero della normale. Calcolare almeno 5h per la traversata.