Aonach Eagach cresta Ovest

L'itinerario

difficoltà: F+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 180
quota vetta (m): 970
dislivello complessivo (m): 790

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: sensacugnisiun
ultima revisione: 06/08/12

località partenza: Claghaigh (Glencoe, Munroes) ( , )

punti appoggio: Chlachaig Inn

note tecniche:
Splendido massiccio, tra i più famosi delle Highlands, in caso di bel tempo la vista è mozzafiato, spaziando dal fiordo di Kinlochleven, fino ai rilievi di Fort William verso nord ed al mare di Oban verso Ovest. Verso sud le immense praterie e le più dolci forme dei White Corries e delle Black Mountains. Solitamente l'Eigach viene salito dal Loch Achtnochtan, lungo la A82, teatro del noto "massacro di Glencoe", luogo di miti e leggende che sembrano rivivere man mano che ci si allontana dalla frequentata Route verso il Nord. Il percorso dell'intera cresta (dal Loch) ha uno sviluppo notevole, con diversi saliscendi nella parte centrale e, quando innevato, è un terreno di gioco di misto tra i più ambiti dai locals. Obbligatoria la tappa finale al Chlachaig Inn, cucina super e luogo di ritrovo degli escursionisti locali.

descrizione itinerario:
Appena dietro il Chlachaig Inn reperire un evidente sentiero che si inerpica lungo un muretto a secco tra le eriche. Presto la traccia raggiunge uno sperone roccioso ripido e insidioso se bagnato, ma che se percorso interamente è la chiave della salita. I punti più ripidi possono essere aggirati a destra o sinistra, tenendo invece fedelmente il tratto più ripido dello sperone si ha una buona continuità di passaggi di I-II. Nella seconda parte una cengia verso sinistra salendo consente di evitare un tratto verticale ed immette in un tratto ripido ed erboso che precede il ripido canale finale di sfasciumi instabili. Il canale (improponibile) è evitabile continuando sullo sperone di salita oppure attraversando verso O per portarsi direttamente sui ripidi prati (a quattro mani!) che escono direttamente al grosso ometto di vetta. L'Eagach non è il punto più alto ma sicuramente il più panoramico essendo a picco sulla valle di Glencoe. La vera cima è un dosso un pò più a Est che si raggiunge oltrepassando un colletto e salendo un elementare pendio. Al ritorno, per chi non fa la traversata, conviene reperire la traccia di salita. Cercare varianti più dirette può condurre su alcuni dei numerosi salti di roccia o su prati decisamente troppo ripidi.