Chateau Renard (Pic de) e Pic Traversier da Pont de Lariane per il Vallon de Longet

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Varie
quota partenza (m): 2024
quota vetta/quota massima (m): 2989
dislivello totale (m): 1050

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura

contributors: ste_6962
ultima revisione: 05/03/12

località partenza: Pont de Lariane (Molines-en-Queyras , 05 )

punti appoggio: Gite d'Etape de Gaudissart a Fontgillarde

cartografia: IGN foglio 3637 OT - Monviso - scala 1:25000

note tecniche:
Il Pic de Chateau Renard è una bella e panoramica montagna situata tra i Valloni Aigue de l’Agnelle e il Vallone di Saint Veran, una meta classica per lo scialpinismo, ma che ben si presta anche a salite con le ciaspole. E nel corso della stessa gita è possibile accoppiarla alla salita del vicino Pic Traversier, che si può salire senza problemi dal Col de Longet.
L’itinerario di salita proposto ha inizio poco oltre il centro abitato di Fontgillarde, si sale nel Vallon de Longet, esposto a Nord-Ovest, in un vallone ampio, poco ripido e generalmente al sicuro da possibili slavine, mentre il versante SE del Pic de Chateau Renard che si attraversa per salire in cima richiede neve in buone condizioni di tenuta e assestamento.
In presenza di neve dura o ghiacciata, sia lungo la cresta del Pic Traversier che sul versante meridionale del Pic de Chateau Renard potrebbero rivelarsi utili piccozza e ramponi.
Il periodo migliore per effettuare la salita proposta va da febbraio ad aprile, a seconda delle annate e delle precipitazioni nevose.

descrizione itinerario:
Dal Fontgillarde m. 2003, si segue la strada per il Colle dell’Agnello, fino al grande parcheggio posto nei pressi del Pont de Lariane m. 2024, il nostro punto di partenza. Si attraversa il ponte in legno e si inizia a salire inizialmente seguendo una stradina (che a volte viene utilizzata come pista da fondo.
Dopo circa 15 minuti di cammino si deve tralasciare la stradina e si sale a destra, dove ci si inoltra in un bel bosco di larici, che si sale con vari tornanti piegando prima a destra e poi gradualmente verso sinistra. (Questo è il tratto iniziale del Vallon de Longet). Usciti dal bosco si sale verso destra, restando non lontani dalle pareti rocciose del versante Nord del Pic de Chateau Renard (ben visibile il noto canale Nord, spesso sceso con gli sci).
Si sale su pendii di moderata inclinazione, mantenendoci sempre in diagonale verso destra (eventuali tracce) verso il visibile Col de Longet m. 2701 visibile in alto (si nota da lontano la presenza di un cartello indicatore in legno). Salendo su ampi pendii, si guadagna quota abbastanza rapidamente, e con percorso diretto oppure con varie diagonali si raggiunge quindi il colle. La prima cima che si può salire è il Pic Traversier m. 2882.
Dal colle si volge a sinistra, salendo per l’ampia cresta NO, aggirando a sinistra un rilievo roccioso, e poi si prosegue sulla destra lungo il filo di cresta (tratto abbastanza ripido..potrebbero esser utili piccozza e ramponi ), raggiungendo prima la quota 2786 m e poi su cresta più sottile (possibili cornici rivolte verso il Vallone Aigue Agnelle) la cima del Pic Traversier 2882 m (indicata da un piccolo ometto di pietre…se non è coperto dalla neve !) (ore 2,45 / 3,00 dal Pont de Lariane). Dal Traversier si scende seguendo nuovamente la cresta percorsa in salita fino a raggiungere nuovamente il Col de Longet.
Dal colle, si scende brevemente verso destra sul versante di Saint Veran, perdendo quota per circa 70 m., poi si traversa sul fondo del versante meridionale inziando a salire in diagonale verso destra, guadagnando rapidamente quota, fino a raggiungere un ampio costone nevoso (o detritico).
Si sale il costolone raggiungendo prima la cupola dell’ Osservatorio astronomico di quota 2931 m e poi per facile crestone la cima del Pic du Chateau Renard 2989 m (indicata da un grande ometto di pietre) (ore 1,30 dal Col de Longet…indicativi secondo le condizioni e il proprio grado di allenamento).
In discesa non rimane che seguire a ritroso le proprie tracce, raggiungendo il Col de Longet, e quindi seguendo il Vallon de Longet si rientra al Pont de Lariane e a Fontgillarde.