Reixa (Monte) e Monte Argentea da Case Soprane, anello

sentiero tipo,n°,segnavia: Stella Bianca, AV, A e C1
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 150
quota vetta/quota massima (m): 1183
dislivello salita totale (m): 1200

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura
tim : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: franco@A
ultima revisione: 20/12/11

località partenza: Case Soprane (Arenzano , GE )

punti appoggio: Rifugio Argentea

accesso:
Per raggiungere Case Soprane prendendo come riferimento l’uscita dall’autostrada a Arezano si svolta a dx e successivamente alla seconda di dx, attraversando un agglomerato industriale si sale sulla stratta strada in località Terralba e a Case Soprane, località dove si parcheggia nei pressi dell’agriturismo Argentea.
Possibile partenza direttamente da Arenzano dal sottopasso della Stazione seguendo il segnavia “triangolo rosso” che sale a Terralba e Soprane; aggiungendo 100m disl e 1h30’ di percorso a/r.
Sviluppo percorso 16.5 km

note tecniche:
Itinerario ad anello interessante, a due passi dal mare, con ampi panorami su facili sentieri che porta a risalire al monte Argentea per la "Via Diretta", percorrere la bella dorsale che raggiunge a dx il panoramico monte Reixa dal quale scendere verso sud al colle della Gava e con un bel percorso su sentiero balcone raggiungere il Ponte di Negrone; successivamente, mantenendosi sulla sx org, raggiungere il sottostante ponte di legno attraversato il quale in poco tempo si raggiunge il punto di partenza richiudendo l’escursione ad anello.
Dalle due elevazione e dalla dorsale la vista spazia dal mare a sud e verso nord, oltre la pianura, alle alpi.
Non ci sono problemi di acqua lungo il percorso.

descrizione itinerario:
Da Case Soprane 150m percorso un breve tratto della sterrata si abbandona il sentiero “triangolo rosso” per svoltare a dx sul sentierino “stella bianca” che sale ripido, stretto e panoramico sino ad incrociare il sentiero “dell’ingegnere” che proviene da sx, lo si percorre per un tratto (a dx) e al bivio si svolta a sx (sempre sul “stella bianca” ) salendo alla dorsale alla Gua dell’Omu 550m, la Gua de Bute 700m, si percorre ancora la dorsale del Capo alla Rocca Turchina a raggiungerne il successivo colletto della Collettassa 960m m (dove da sx arriva il sentiero che sale dal rif Padre Rino) si prosegue verso nord e di li a poco il percorso si inerpica e a continue strette svolte raggiunge, da ovest, le roccette della sommità del monte Argentea 1082m.

Dal monte si scende lievemente sulla dx per proseguire sul sentiero che percorre la dorsale sino al rif. Argentea 1088m al pian di Lerca. Dal colletto si prosegue a dx sulla dorsale sul sentiero dell’AV sino a raggiungere il punto in cui il sentiero principale si sposta sul versante nord per aggirare il Reixa e lo si abbandona per salirlo percorrendo il tratto che ci separa dall’evidente sommità del monte Reixa 1183m da cui si scende in direzione sud seguendo il segnavia “X rossa” sino a raggiungere il passo della Gava 752m.
Dall’invaso d’acqua sotto il passo (sul lato di ponente) si prosegue sul sentiero “A” che in direzione sud scende decisamente a raggiungere un tratto di bel sentiero balcone (molto panoramico) e dopo il lungo traverso lo si abbandona per proseguire a dx con indicazione del Ponte di Negrone 175m raggiunto il quale non lo si attraversa per proseguire a sx e seguire le indicazioni per il ponte Ratte-Motta sino a trovare il sentiero C1 che porta al ponticello in legno dove si guadagna la sponda dx org del torrente Lerone e di li a poco si arriva in località Campo, alla strada asfaltala e al punto di partenza dell’escursione, richiudendo l’interessante anello.
Vedi anche traccia GPS.