Medale (Corna di) Formica

difficoltà: 6a / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud
sviluppo arrampicata (m): 400

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: ilcontevlad
ultima revisione: 13/12/11

località partenza: Rancio superiore (Lecco , LC )

punti appoggio: Lecco

bibliografia: dinoia - casari

note tecniche:
Via mitica e molto impegnativa che grazie alla revisione appena terminata del buon Fabio Valseschini ha ricevuto un lifting che le dona nuova vita, senza stravolgerne assolutamente l’impegno globale.
Portare serie di BD C4 fino al 4 (il 4 è molto utile sui primi 2 tiri), serie di nut anche grossi, serie di TCU, 5 chiodi misti, staffe e martello.
Segue relazione dei primi 4 tiri, il resto quando torneremo a finirla. Già così si impegna una intensa giornata invernale…

descrizione itinerario:
Attacco: 30 mt a dx della Cassin, dopo un canaletto risalire su un pulpito con sbiadito bollo giallo. Nel diedro a dx clessidra e chiodo, S0

L1) salire il diedro a dx del bollo giallo fino a stretto caminetto strapiombante. Raggiungere una zona di roccia bianca ed uscire a sx. Salire il diedro a dx (a sx si vedono i fix di poseidone) e uscire con traverso sprotetto in placca alla comoda S1 di poseidone, fix e catena. 45 m, numerosi chiodi, anche nuovi. Viene dato VI, auguri.

L2) su per il caminetto e il successivo bellissimo diedro netto, un bong a metà e un chiodo in uscita. 30m, V+, sosta a chiodi e 1 nut da mettere sulla dx su comoda cengia.

L3) salire la bella placca di roccia ottima e bianca, chiodi vecchi, passaggi non banali.. si può sostare su un pulpito su 3 chiodi vecchi collegati o 10 m sopra collegando uno spit nuovo ed uno vecchio. La sosta appesa sulla dx è solo x stomaci forti… 45m, VI/A1, chiodi da mettere, chiodi vecchi in via.

L4) traverso a sx su roccia mega fino a prendere clessidra con kevlar con passaggio molto expo se si è “corti”, seguono 3 chiodi in A2 molto lontani da prendere, poi si avvicinano. Si può fare sosta a metà tiro appesi o uscire traversando tutto a sx in orizzontale fino alla sosta a fix e catena di poseidone. Sul tiro si trovano “chiodi” di ogni forma e materiale e 3 simpatici rivet hanger. 50m, A2 e VI, almeno 20 rinvii, 2 staffe sono comode.

Fin qui roccia bellissima, molto solida, chiodatura d’epoca con qualche pezzo nuovo.
Da qui la via prosegue dritto x 3 chiodi e poi piega decisamente a sx. Sono altri 8 tiri tutti impegnativi, vedo difficile la ripetizione in giornata x gente “comune”…