Ticino (Parco del) Anello SS341-SS11 dal Ponte di Galliate-Turbigo

quota vetta/quota massima (m): 150
lunghezza (km): 30

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: Brunello 56
ultima revisione: 04/12/11

località partenza: Galliate (Galliate , NO )

bibliografia: (Parco del), Anello dei Navigli Langosco e Sforzesco

note tecniche:
Itinerario ad anello, con partenza dal ponte in ferro sulla SS341 tra Galliate e Turbigo; andata sulla sponda lombarda, ritorno su quella piemontese.
Percorso non eccessivamente lungo (ca 30 km A/R), però in un ambiente sempre vario, tra bosco e aperta campagna, sempre con il Fiume Azzurro protagonista, con le sue lanche o le anse.
Attenzione nel percorrere il ramo sulla sponda lombarda: in molti tratti si è su sentiero molto stretto e con elevato affollamento.

descrizione itinerario:
Dal ponte di ferro, che offre ampia possibilità di parcheggio, si percorre un tratto di strada asfaltata direzione Sud; prima che questa termini al cancello, prendere a sinistra la strada sterrata con divieto di accesso ai veicoli. Subito si trova l’indicazione del sentiero “E1” poi appena dopo quelle bianco/rosse del parco: seguire sempre per Bernate / Boffalora. La sterrata dopo un po’ termina e diventa sentiero (stretto) che corre nel fitto bosco, alto sul fiume o sulle sue lanche, e con vari saliscendi e divertenti svolte arriva ad un bivio ove si trovano le indicazioni per l’Orologio Celtico.
Qui conviene prendere il ramo di sinistra (quello di destra solo se si ha una conoscenza della zona) che si allontana dal fiume, esce dal bosco e diventa strada sterrata che attraversa l’aperta campagna. Arrivati sull’asfalto, con già in vista l’autostrada A4, prendere a destra (indicazioni per la pesca sportiva) e proseguire verso il parcheggio; prima di questo, svoltare a sinistra, sottopassare autostrada e linea dell’alta velocità, appena dopo la quale si trova di nuovo l’indicazione del sentiero “E1”.
Continuare nel bosco, quando si esce si continua sulla sterrata che passa vicino al Ristorante Piave, appena dopo il quale si intravede il ponte sulla SS11. Sottopassare la statale, raggiungere il fiume Ticino (destra), risalire sulla SS11 sul sentierino e attraversare il fiume sul passaggio laterale alla carreggiata (attenzione al fondo in alcuni punti sconnesso).
Continuare sulla statale fino al Naviglio Sforzesco, in corrispondenza del quale si svolta a destra raggiungendo un bar-ristorante. Ignorando le indicazioni, continuare sempre lungo il Naviglio in sponda sinistra, attraversare un canale su una passerella in pietra, ignorare la svolta a sinistra che porta a Torre Mandelli, proseguire lungo il naviglio sottopassando linea AV ed autostrada (attenzione che per gli attuali lavori di ampliamento il sottopasso potrebbe risultare inagibile) fino al successivo ponte.
Qui si hanno due possibilità: o continuare a costeggiare lo Sforzesco lungo un sentiero un po’ stretto ed impraticabile fino al ponte (passerella con corrimano), oppure seguire la sterrata (destra) che attraversa un’area in rimboschimento ed arriva alla stessa passerella.
Attraversata questa, proseguire sulla pista, passare una costruzione, al primo bivio prendere il ramo di sinistra che va seguito fino a ritrovare ad un altro bivio le indicazioni, ove occorre prendere per “Sette Fontane” (destra); arrivati alla strada che va al bar-ristorante prendere a sinistra, poi al Langosco svoltare a destra, proseguire superando lo scolmatore del Cavour, ad un successivo bivio (indicazioni per Belvedere Dogana) svoltare a destra raggiungendo in breve il ponte di ferro della partenza.