Asgelas (Punta dell') o du Lac Gelè dalla strada per Dondena

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Nord-Est
quota partenza (m): 1680
quota vetta/quota massima (m): 3021
dislivello totale (m): 1350

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura

contributors: Andrea81
ultima revisione: 27/11/11

località partenza: Remoran (Champorcher , AO )

punti appoggio: Rifugio Miserin

note tecniche:
Consigliabile, visto il notevole sviluppo, quando è possibile arrivare a Dondena o in prossimità con l'auto. Altrimenti si devono considerare 6.5 km su strada.
La difficoltà BR è dovuta al pendio finale un po' più ripido, e allo sviluppo della gita consistente (corretto sarebbe MR+).
Se lasciate l'auto al parcheggio Petit Mont Blanc sono 23 km di sviluppo.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio di Mont Blanc dove è chiusa la strada nel periodo invernale, oppure a seconda delle condizioni da Dondena, si scende brevemente sul ponticello per raggiungere le baite sul versante opposto. Da qui 3 possibilità:

1.Per la dorsale del Mont Rascias (più diretta ma con saliscendi):
risalire il pendio in direzione SO senza percorso obbligato, passando sulla destra dell'allungata cresta del Monte Dondena (riconoscibile dai tralicci). Si risale un breve pendio un po' più ripido raggiungendo una vasta depressione tra il Monte Dondena e il Mont Rascias. Si continua a destra per il pendio-dorsale, giungendo sulla piatta cima del Rascias. Si continua in direzione Nord con qualche saliscendi percorrendo l'ampia dorsale che collega il Rascias con l'Asgelas. Dopo il lungo percorso dolce, si giunge alla base del pendio finale, che si risale o direttamente oppure sulla destra con qualche diagonale, giungendo sulla cresta. Da qui a sinistra con percorso panoramico (attenzione alle cornici) si giunge ad una selletta appena sotto l'anticima, che si raggiunge con neve sicura senza difficoltà. Per arrivare alla cima vera e propria, posta più ad est, è necessario proseguire per la cresta di rocce e cornici (piccozza e ramponi), ma non è molto consigliabile, almeno finchè l'innevamento è abbondante.

2. Per il Lago Miserin (un po' più lunga):
Da Dondena si risalgono i pendii in direzione SO fino ad intercettare la strada che si inoltra in direzione Ovest, aggirando le pendici del Mont Rascias. Si entra nel vallone del Lago Miserin, risalendo dei pendii dolci con successione di gobbe, sbucando nella vasta conca del Lago Miserin con l'omonimo rifugio (locale invernale). Si costeggia il lago sulla sinistra con andamento pianeggiante, per poi risalire un pendio in direzione Nord, che porta a collegarsi con l'itinerario proveniente dal Mont Rascias. Da qui si punta al pendio finale che si risale come nell'itinerario 1.

3.Per il Vallone dei Banchi (la meno consigliabile): Da Dondena si punta al Rifugio Dondena, e si prosegue alle spalle superando un pendio che immette nel vallone dei Banchi, piuttosto incassato. Lo si risale al centro puntando al Colle della Rosa dei Banchi ben visibile sul fondo, salvo poi piegare decisamente a destra per un pendio più ripido, per incontrare la dorsale proveniente dal Rascias quasi alla base del pendio conclusivo, che si risale come itinerario 1.

Discesa per uno degli itinerari descritti. Se si vuol compiere un anello non troppo impegnativo, si può salire dal Miserin e scendere dal Rascias.