Bassa Val Maira Anello lungo il Maira da Dronero

quota vetta/quota massima (m): 720
dislivello salita totale (m): 300
lunghezza (km): 40

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: gibet
ultima revisione: 13/10/11

località partenza: Dronero (Dronero , CN )

bibliografia: Aldo Tichy

note tecniche:
Ottimo itinerario a forma di 8 per scoprire la bassa Val Maira e le sue bellezze naturali e arttistiche.

descrizione itinerario:
Partendo da Dronero si scende verso Cuneo fino ad attraversare il ponte nuovo e poco dopo si imbocca a sx in leggera discesa la stradina per Pratavecchia costeggiando la bella bealera. Continuando su via Monastero e via Centallo si arriva prima alla frazione Nasari e poi a Castelletto.
Una ripida discesa porta ad attraversare il Maira (dal ponte bello scorcio sulla parete aggettante scavata dal fiume) e per strada S. Mauro prima e poi per Via Castelletto si sale dolcemente a Morra. Attraversata la provinciale si entra nella frazione e si imbocca via Combale che con percorso ameno in mezzo a bei pratoni porta fino alla frazione Pramallè e subito dopo all'Abazia benedettina di S.Costanzo. La chiesa é chiusa ma è possibile chiedere al gentilissimo parroco Don Ezio di aprirla per visitare la Cappella di S. Giorgio con i suoi magnifici affreschi e la sottostante caratteristica cripta.
Dall' Abazia si risale al Parco dei Ciciu dove, per chi non li conosca, è d'obbligo una visita a piedi. Tornati indietro si attraversa poi Villar per Via Roma e si arriva alla provinciale che in breve riporta a Dronero. Si risale nel centro storico fino alla stazione e dopo un breve tratto in via Giolitti si imbocca a dx la piccolissima Via Caraglio che in discesa porta al magnifico Ponte Vecchio. Attraversato il ponte si risale a dx via Cariolo e poi via Marchisa già in mezzo al verde. Si continua fino alla frazione Tetti con un bel tratto di pista ciclabile sulle sponde del fiume movimentata da due brevi ma ripide rampe.
Oltre i Tetti, sempre immersi nel verde, si continua in leggera salita fino a Cartignano dove vale la pena arrivare al fondo del paese per ammirare il castello.
Tornati indietro si scende alla provinciale attraversando il caratteristico ponte con porticato centrale. Si scende a dx per la provinciale 422 fino alla frazione Ercole dove si prende a sx per San Giuliano (cartello indicatore). Un Km di salita impegnativa ci porta al panoramico piazzale della parrocchiale, poi si traversa su percorso ondulato fino a Tettoprato (altitudine massima 700 m.) e con una ripida e dritta discesa si passa nei pressi del Comune di Roccabruna e si arriva fino alla provinciale 422 già in Viale Sarrea a Dronero.