Tour Ronde Cheraz

difficoltà: 6b+ / 6a+ obbl
esposizione arrampicata: Nord-Est
quota base arrampicata (m): 3450
sviluppo arrampicata (m): 220

copertura rete mobile
altri : 80% di copertura

contributors: bdamiano
ultima revisione: 30/09/11

località partenza: Punta Helbronner (Chamonix-Mont-Blanc , 74 )

punti appoggio: rifugio Torino

note tecniche:
Descrizione della via da parte della guida alpina Gianluca Marra, tratto da sito Planetmountain:
Aperta nell'estate 2011, la nuova via è stata battezzata "Cheraz" in memoria della Guida Alpina di Courmayeur, Alberto Cheraz, scomparsa in un tragico incidente avvenuto il 16 agosto 2009 nella via accanto "Bernezat".

Il nuovo itinerario, sulla parete nord-est della Tour Ronde, è stato aperto il 6 e 9 settembre 2011 da Gianluca Marra, Guida Alpina della Società Guide di Courmayeur e da Niccolò Bruni, chiodatore di nuove vie d'arrampicata.

La via si sviluppa per circa 220 metri con difficoltà continua in fessura di 6b+, un passo di A0 e piccoli tratti in placca di 6a. Tutte le soste sono state attrezzate per scendere in doppia lungo la via e alcuni spit in placca.

descrizione itinerario:
ACCESSO
Da Heilbronner al Col des Flambeaux, scendendo alla base della Nord dell'Aiguille De Toula e risalire a sinistra il pendio del ghiaccio in direzione del Con d'Entreves, avvicinandosi all'evidente pilastro della Tour Ronde.

ITINERARIO
L1: Superare la terminale raggiungendo uno spit con cordino blu e moschettone (utile per superare la terminale). Proseguire verso l'evidente spit per poi arrivare ad uno spigolo delicato (1 spit), si prosegue per facile e divertente fessure in diagonale. 6a+, 45 metri
L2: Prosegue in fessure facili ben proteggibili a tratti discontinue da placche arrivando ad un grosso lamone. Si prosegue in placca (2 spit), portandosi a sinistra verso la sosta. 6a+, 40 metri
L3: Riparte subita a dx in un piccolo diedro, arrivando a una facile placca (1 spit), raggiungendo 2 terrazzi evidenti. 6a, 35 metri
L4: Segue in una fessurina delicata per 8 metri (4 spit). Si arriva ad una fessure proteggibile a seguire con piccolo riposizionamento svaso (1 spit). 6c. Si riprende nuovamente la fessura per continuare verso il tetto (sosta). 6a+, 35 metri.
L5: Parte con passo da 7a+ o eventuale passo A0 con 2 spit, per poi uscire dal tetto orizzontale, con ribaltamento continuo in fessura, arrivando così ad un passo di placca (1 spit), per poi saltare sopra ad una cengia a dx. 6b, 35 metri.
L6: Ultimo tiro, parte in un diedro fessurato di incastro a mano. Costante, atletica e divertente. Tornano utili le doppie misure 1, 2. 6b+, 30 metri.

L'ultima sosta è in comune con le Bernezat per proseguire fino in cima alla Tour Ronde.

DISCESA
Lungo la via di salita.

MATERIALE
2 corde da 50 metri, una serie di friend dal n. 0.3 al n. 3 e doppi i n. 1,2. 8 rinvii, casco, piccozza e ramponi.