Zucchero (Monte) Dalla Val Osura

sentiero tipo,n°,segnavia: SENTIERO SEGNATO
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 960
quota vetta/quota massima (m): 2735
dislivello salita totale (m): 1800

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: frix54
ultima revisione: 22/09/11

località partenza: Daghei di dentro (Brione (Verzasca) , Locarno )

punti appoggio: Capanna Osura e Sambuco

note tecniche:
Superba piramide, è la vetta più alta della Val d´ Osura, la cui cresta SSE lungo la quale passa la via di salita, corre fino alle pendici della Rasiva, alternando possenti bastioni a tratti di pietraia, mentre a W precipita sul Lago Tomeo, originando la lunga costiera SW che giunge al Pizzo dei Chent separando le Valli d´ Osura e Tomè. Escursione splendida, ha un sapore antico, e ognuno deve farsi un assoluto dovere di mantenerla selvaggia, tranquilla e pulita come lo è stata finora.
Accesso:
Da Milano autostrada per Como-Chiasso. Superata la Dogana, proseguire sino all´ uscita di Bellinzona Sud, poi prendere la Cantonale in direzione Locarno sino alla grande rotonda subito dopo l´ aeroporto di Magadino, dove si tiene per Gordola. Imboccata la Val Verzasca, si sale a lato della grande diga superando Vogorno, Lavertezzo e giungendo a Brione Verzasca. Abbandonata la valle principale, a sinistra si prende per la Val d´Osura, laterale della verzasca, salendo a Daghei, dove termina la strada quasi sempre molto stretta ed in teoria chiusa al traffico per i non residenti. Conviene andare avanti anche l'ultimo pezzetto su sterrato per trovare un bel posteggio.

descrizione itinerario:
Descrizione della salita:
Dal parcheggio si segue il sentiero, attraversando dopo una ventina di minuti il fiume su di un ponte, per poi costeggiarlo a sinistra tra giochi d´ acqua, cascate, scivoli e pozze che offrono scorci incantevoli. Superato Wald (1170), la stretta valle comincia ad allargarsi e il percorso si fa pianeggiante, attraversando la zona umida di Sciupa e giungendo alla Capanna Osola, attualmente in via di ampliamento. Dalla Capanna si prosegue verso N per circa 300 metri, quindi piegando a sinistra, ci si innalza ripidamente in direzione NW su sentiero segnalato fino a Corte di Canova (1770), da dove il percorso si fa dolce attraversando i pascoli soprastanti le grandi bastionate che chiudono la valle e dalle quali in primavera precipitano numerose cascate. Tra pascoli e panorami sempre più aperti, si giunge così alle cascine di Corte del Sambuco, dove si trova la Capanna Sambuco. Con facile ascesa lungo vasti spazi erbosi seguiti da una rampa detritica, si arriva alla Bocchetta di Mugaia (2518). Seguendo la facile cresta SSE, con percorso evidente fra le rocce si raggiunge la vetta (2735).
Discesa:
Come per la salita.