Resegone, bastionata SE via Bonatti/ via Giuseppina

L'itinerario

difficoltà: 6a / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud-Est
quota base arrampicata (m): 1200
sviluppo arrampicata (m): 150
dislivello avvicinamento (m): 100

copertura rete mobile
wind : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Gianni lanza ziocharli
ultima revisione: 16/11/15

località partenza: Piani d'Erna (Lecco , LC )

punti appoggio: vari rifugi

accesso:
Dal parcheggio della funivia prendere il sentiero n. 1 (lato destro del parcheggio - indicazioni per il rifugio Stoppani). Poco prima della frazione di Costa abbandonare il sentiero n. 1 e proseguire lungo l'1A (palina) in direzione del passo del Fo' e del rifugio Alpinisti Monzesi. Arrivati alla capanna Ghislandi, puntare alla palina rossa oltre la piazzola di atterraggio dell'elicottero e seguire il sentiero fino alla base della parete (15 minuti circa). 1 ora e 45 minuti in totale.
Eventualmente si può prendere la funivia fino ai Piani d'Erna per poi seguire il sentiero n. 5 in direzione del passo del Fo'. -

La via attacca presso un vecchio chiodo ad anello.

note tecniche:
Bella e storica via di arrampicata classica, sottovalutata in alcune relazioni. In via vecchi chiodi e un paio di spit per tiro. Soste ottime su fix e catena. Due mezzecorde, cordini per allungare le rinviate e una decina di rinvii sono sufficienti per una ripetizione.

descrizione itinerario:
Si salgono le prime due lunghezze "Nuovi Orizzonti", poi si segue per 3 tiri la Bonatti (o Giuseppina).

L1 di Nuovi Orizzonti - VI, 40 m
Superare il primo muretto e continuare fino una pancia che si supera sulla destra. Obliquare infine leggermente verso sinistra in direzione di una piccola fessura e superare il successivo muretto.

L2 di nuovi Orizzonti - VI-, 15 m
Salire destra della sosta fino alla cengia, ignorando la prima sosta.

L3 - VI-, 40 m
Per placca nera verso destra, poi in obliquo a sinistra con bei movimenti (non banali) fino a un diedrino che conduce ad una cengia. Si sosta a sinistra.

L4 - VI-, 15 m
Salire verticarlmente e superare gli stapiombini, quindi seguire la fessura e spostarsi verso sinistra.

L5 - V+, 40 m
Bel muro verticale ed appigliato al termine del quale si traversa decisamente verso destra. Obliquare infine verso sinistra per rocce più semplici.

DISCESA
Calate lungo la via o lungo Nuovi Orizzonti (3 con corde da 60 mt).

altre annotazioni:
Walter Bonatti, Camillo Barzaghi, Carluccio Casati - 24 settembre 1949