Brillet (I) da la Riposa

difficoltà: F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 2200
quota vetta (m): 3062
dislivello complessivo (m): 862

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: mountain
ultima revisione: 30/08/11

località partenza: la Riposa (Mompantero , TO )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.3 Val Susa, Val Cenischia, Rocciamelone, Val Chisone

descrizione itinerario:
Dalla Riposa salire lungo il sentiero del Rocciamelone; al bivio corto/lungo prendere “lungo” a destra in piano e raggiungere il tornante più ad est nei pressi della Fontana Taverna m. 2.476 (ultima acqua).
Abbandonare il sentiero principale, attraversare verso est l’avvallamento e proseguire su deboli tracce in leggera salita sul pendio erboso; raggiungere il bordo di una crestina dirupata, attraversarla lungo una cengia un po’ esposta, proseguire sempre in piano, attraversare un piccolo corso d’acqua e continuare sempre con medesimo andamento su deboli tracce in leggera salita; superare lungo una breve cengia un’altra piccola bastionata dirupata dalla quale risalire ad un piccolo ripiano pietroso dove si incontra il sentiero che scende dal Rifugio Cà d’Asti e va verso il Colle della Croce di Ferro.
Appena questo inizia a scendere (subito dopo l'attraversamento di un corso d'acqua) abbandonarlo ed iniziale a salire verso una bastionata erboso/rocciosa a sinistra di una cascatella; superarla ad un accenno di selletta a sinistra sopra ad un piccolo distacco franoso. Proseguire sul pendio erboso in traverso un po' a destra fino a raggiungere il bordo di un anfiteatro con il residuo di un laghetto; portarsi sulla dorsale morenica di sinistra e seguirla fino all'attacco su pendio di sfasciumi.
Proseguire sfruttando le cengette alla base di alcune fasce di placche rocciose per portarsi su un accenno di dorsale a destra e da questo punto salire direttamente zizgagando su medesimo terreno fino a giungere alla base del risalto finale dei Brillet; seguire verso sinistra l'ultima cengia sotto la paretina e raggiungere un'insellatura della cresta S-E con vista sul Lago di Malciaussià.
Percorrere in piano un'aerea cengia erbosa versante Lago per portarsi sull'altra cresta (E-N-E), tuttavia questo tratto è un po' pericoloso sia per il terreno instabile che per l'esposizione, pertanto è meglio continuare sulla cresta S-E superando un piccolo e stretto intaglio per poi tenersi un po' a sinistra ed con facile arrampicata raggiungere la vetta piana dei Brillet.

Discesa dal versante di salita, oppure in traversata sul Rifugio Tazzetti (richiederà la risalita al Rocciamelone successivamente), scendendo con cautela sulla cresta E-N-E fino ad un intaglio da quale deviare a sinistra in una comba di sfasciumi per raggiungere un cordone morenico con massi più grossi; continuare a sinistra sulla dorsale di questa costiera per poi scendere con un percorso ad arco fino ad incontrare il terreno erboso. Attraversare in piano in valloncello del Fons d'Roumour a valle del laghetto e con breve risalita raggiungere il Rifugio Tazzetti.
Salire al Rocciamelone con l'itinerario della Valle di Viù e dalla vetta ridiscendere alla Riposa con l'itinerario da Susa.