Vincent (Piramide) Cresta del soldato + cresta ESE

difficoltà: PD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 3200
quota vetta (m): 4215
dislivello complessivo (m): 1215

copertura rete mobile
wind : 20% di copertura
vodafone : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: pastore luther
ultima revisione: 24/08/11

località partenza: Indren nuova funivia (Alagna Valsesia , VC )

punti appoggio: rifugio mantova , nuova indren

note tecniche:
La cresta del soldato termina alla punta giordani. Questo itinerario corretto chiamarlo cresta del soldato + cresta ESE P. Vincent.

La cresta può essere percorsa per la maggior parte in conserva corta o addirittura slegati, a seconda di come ci si sente. Nei passi più esposti oppure obbligati ci si deve comunque legare e ricorrere alle protezioni.

descrizione itinerario:
Proveniendo dal passo dei salati, si sale in funivia (FUNIFOR) fino al nuovo arrivo di Punta Indren, non lontano dal Rifugio Mantova. A questo punto si attraversa per pietraia e nevaietti (ometti) verso l'arrivo della vecchia funivia di punta Indren, quella che sale da Alagna.
Da qui, si sale sul ghiacciaio di Bors e si procede in direzione della evidente sella nevosa lungo la cresta, dove questa comincia a diventare piu' ripida. Saliti sul colletto, se le condizioni lo permettono si tolgono i ramponi e si risale tutta la Cresta del Soldato su rocce rotte e spesso instabili, fino alla vetta della Cima Giordani. Vi e' un solo tratto (aggirabile sulla sinistra) di III-.
Dalla punta Giordani (ramponi) seguire la cresta nevosa fino al salto di roccia successiva che si aggira per cengetta terrosa a destra. Risalire sul filo della cresta e seguire il secondo tratto nevoso fino alla base del tratto finale.
Spostarsi leggermente a destra sui primi risalti ( spesso con neve ) e poi ritornare sul filo che si segue fino ad un vecchio chiodo, si supera il blocco e si continua fino ad un terrazzo con chiodo alla base di un evidente torrione.
Lo si aggira a sinistra con passo esposto e poi si ritorna sul filo che si segue esposto sino alla placche fessurate finali che portano in cima.
Discesa per la via normale verso il rifugio Gnifetti. Passaggi di III.