Bella Comba (Laghi) da La Joux

sentiero tipo,n°,segnavia: concatenamento sentieri 7-18-8-3
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 1646
quota vetta/quota massima (m): 2379
dislivello salita totale (m): 733

copertura rete mobile
vodafone : 90% di copertura
3 : 60% di copertura

contributors: Brunello 56
ultima revisione: 25/07/11

località partenza: La Joux (La Thuile , AO )

cartografia: Carta L’Escursionista, Fg. 2 (LaThuile), Scala 1:25000

bibliografia: L. Zavatta, Le Valli del Monte Bianco, L’Escursionista Editore

note tecniche:
E’ un percorso poco conosciuto per arrivare ai Laghi di Bella Comba, pochissimo frequentato, che costituisce una valida alternativa all’affollato sentiero n. 3 per il Deffeyes. Forse un po’ più lungo, con un saliscendi che fa perdere quota, permette di entrare in quell’ignoto angolo della Valle di La Thuile che sono le Combe Sozin e Thuilette, per poi ricongiungersi, all’ingresso del Vallone di Bella Comba, con il sentiero tradizionale.

descrizione itinerario:
Arrivando a La Joux da La Thuile, prima che la strada asfaltata scenda verso i parcheggi e le case, si stacca sulla destra il sentiero n.7 (palina segnavia); prima è una strada sterrata che passa vicino a baite ristrutturate, poi termina in prossimità di un ponticello e diventa pista, addentrandosi nel fitto bosco, sempre marcata ed evidente. Dopo un breve tratto si incontra il bivio che sale verso l’alpeggio di Arnouva inferiore, individuabile dalla palina segnavia. Seguire il ramo indicato dal cartello, che prosegue nel bosco e si avvicina, quando il bosco si apre, al Torrente di Maisonettes; salendo ancora leggermente si toccano i ruderi degli alpeggi di Maisonettes e proseguendo ancora per pochi metri si arriva al ponte sul torrente, che va attraversato, ignorando invece il ramo di destra che prosegue invece verso Cerellaz. Sempre proseguendo nel bosco, il sentiero aggira la Comba Thuilette per poi arrivare sotto una balza rocciosa che va risalita per sbarcare su un pianoro su cui si trovano due laghetti; passato il secondo, si incontra (palina segnavia) il sentiero n. 18 proveniente da Cerellaz.
Il sentiero inizia ora a scendere (attenzione ad ignorare, poco dopo la palina, il ramo di destra in salita) e, aggirando la Comba Sozin, arriva al Lago della Comba Sozin (2081 m) lungo un percorso a volte accidentato ma sempre ben segnato. Passato il lago si deve ancora attraversare un tratto di pietraia, però sempre ben segnato da frecce gialle ed ometti, poi si inizia a risalire e, attraversando un tratto con la fitta vegetazione che copre il sentiero, si aggira il costone che delimita la Comba Sozin e si sbarca su un pianoro, dove si arriva in breve ad incrociare il sentiero n. 8 (palina segnavia), lungo il quale si arriva ai due Laghi di Bella Comba.
Al ritorno, si ripercorre a ritroso il tratto fino al suddetto bivio, dove occorre prendere il ramo per il rifugio Deffeyes (n. 3). Si scende per un breve tratto, si attraversa il Rutor sul ponte di tavole, si risale e si aggira il costone e ci si ritrova sul sentiero n. 3 dell’Alta Via 2, lungo il quale si scende a la Joux.