Tablasses (Testa di) e Testa Sud di Bresses dal Gias delle Mosche, anello per i Laghi di Fremamorta

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1591
quota vetta/quota massima (m): 2851
dislivello salita totale (m): 1460

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Andrea81
ultima revisione: 17/07/11

località partenza: Gias delle Mosche (Valdieri , CN )

punti appoggio: Bivacco Guiglia 2437 m

cartografia: Fraternali 1:25000 n.15 Valle Gesso

bibliografia: M.Bruno - In cima nelle alpi marittime - I / II

accesso:
Da Cuneo raggiungere Borgo San Dalmazzo e quindi dirigersi verso Valdieri, che va superato raggiungendo Terme di Valdieri. Qui si prosegue a sinistra, per il Vallone della Valletta per alcuni km con fondo asfaltato anche se un po' dissestato, fino al Gias delle Mosche; possibilità di posteggio per alcune auto in corrispondenza dell'inizio del sentiero, oppure 200 m oltre in un grosso spiazzo erboso.
Per chi volesse optare per la partenza dal Pian della Casa del Re, occorre proseguire altri 3 km lungo la strada, in parte asfaltata in parte sterrata in buone condizioni.

note tecniche:
Il dislivello tiene conto delle perdite di quota e relativa risalita dalla Testa Sud di Bresses al Passo di Tablasses e ancora alla base del canalino per salire alla Testa di Tablasses.
Percorso molto panoramico e di notevole impegno sia come dislivello sia come sviluppo; considerabile E fino alla sella a pochi metri dalla Testa Sud di Bresses, poi EE la salita alla cima e la continuazione del percorso fino alla Testa di Tablasses.
Con due auto a disposizione, oppure effettuandolo in due giorni, è possibile compiere la traversata sul Pian del Valasco e Terme di Valdieri scendendo o dal Passo di Tablasses o dal Passo di Prefouns.
Partendo da Pian della Casa del Re non è possibile effettuare l'anello, anche se una deviazione ai laghi di Fremamorta non porta via troppo tempo.

descrizione itinerario:
Dal Gias delle Mosche 1591 m, in corrispondenza dei cartelli indicatori, si scende al torrente, lo si attraversa su di un ponte di legno e si inizia a salire per un tratto lungo il corso d'acqua, finchè il sentiero non inizia a risalire il pendio erboso sovrastante in direzione ovest, compiendo numerose serpentine dalla pendenza costante ma moderata. Quando la serie di tornantini termina, il sentiero si sposta verso sud con un lungo traverso, e dopo una leggera perdita di quota si scollina ad un colletto a 1960 m, che aggira le propaggini della Cresta San Giovanni, riprendendo poi a salire in una zona con dei larici. Successivamente si entra in una bella conca parzialmente occupata da una pietraia, che si risale comodamente sulla destra grazie alla mulattiera militare in buono stato di conservazione. Ci si sposta poi ancora verso sinistra attraversando un ruscello e quindi con una nuova serie di serpentine fra erba e rocce, si raggiunge il Lago Sottano di Fremamorta 2359 m; qui si trascura la mulattiera a destra per il Colletto del Valasco, e si continua a sinistra costeggiando dall'alto il lago; alcuni brevi saliscendi consentono di toccare il secondo dei laghi di Fremamorta, appena sotto la Cima Guiglia 2437 m, che è possibile toccare con una brevissima deviazione priva di difficoltà. Poco oltre si trova anche il Bivacco Guiglia 2437 m.
Raggiunto il terzo grosso lago di Fremamorta 2371 m, passando nei pressi di alcuni casermoni si scende di qualche metro fino al lago stesso, dove un cartello indica il Colletto di Bresses; si tralascia quindi la traccia che prosegue dritta per la Cima di Fremamorta, per seguire il sentiero di destra, che aggira comodamente una pietraia per poi risalire la china erbosa, anche qui con parecchi tornantini: negli ultimi 50 m di dislivello prima del Colletto di Bresses, il terreno diventa un po' più impervio e scosceso, ma a parte la fatica non ci sono difficoltà di rilievo. Si giunge così al Colletto di Bresses 2618 m che si affaccia su un vasto altopiano ricoperto da pietraie.
Il sentiero-mulattiera, piuttosto marcato, prosegue ora verso destra (nord) e permette agevolmente di attraversare la pietraia puntando alla cima già ben visibile; con salita piuttosto dolce si arriva così ad un grosso ometto su di un colletto a 2800 m circa all'inizio della cresta sud per la cima. E' possibile sia seguire direttamente la cresta, a tratti esposta, sia mantenersi sul lato francese qualche metro sotto, dovendo però destreggiarsi in una pietraia di enormi blocchi. La via di salita più semplice alla cima, è invece quella di proseguire lungo la mulattiera lastricata per circa 100 m lineari in leggera discesa, poi prima di arrivare al Passo Tablasses, quando si incontra il crestone ovest della Testa Sud di Bresses, lo si risale tra roccette e sfasciumi seguendo le tracce di sentiero, che senza particolari difficoltà conducono in cima 2820 m (statua della Madonna).
Ritornati al sentiero sottostante, per la Testa di Tablasses occorre continuare lungo la mulattiera piuttosto comodamente, toccando in breve il Passo di Tablasses 2742 m; quindi si continua ancora a scendere brevemente, per poi abbandonare la traccia principale per seguire vaghe piste che si mantengono pressochè a mezza costa, puntando all'evidente canalino che offre una breccia nella bastionata rocciosa sottostante la Testa di Tablasses. Si può anche continuare lungo il sentiero principale che porta al Passo di Prefouns, ma questo comporta la perdita di ulteriore dislivello. In ogni caso, una volta raggiunto il canalino, lo si risale seguendo le varie tracce di sentiero; inizialmente conviene mantenersi al centro finchè non si giunge di fronte ad una crestina rocciosa che lo separa in due rami; qui è preferibile passare a destra contro le rocce dove il terreno è più stabile e gradinato. Si raggiunge così la vasta pietraia superiore alla base del pendio finale; non ci sono vere e proprie tracce, per evitare la pietraia è meglio mantenersi il più a sinistra possibile, salendo faticosamente per terriccio e detriti, raggiungendo così le due cime, una con un grosso'ometto più a destra, l'altra la più alta con un piccolo cumulo di pietre ed il libro di vetta 2851 m.

Per la discesa (escludendo l'eventuale traversata sul Pian del Valasco dal Passo di Prefouns), si ritorna dalla via d'andata fino al primo lago di Fremamorta (occorrre risalire un centinaio di metri almeno fino sotto la Testa di Bresses); una al lago, si sale alle casermette sovrastanti dove si può decidere se compiere l'anello scendendo sul Pian della Casa del Re.
In tal caso, si prosegue a destra aggirando il dosso erboso, e poco dopo seguendo la traccia piuttosto evidente, ci si raccorda al sentiero principale che proviene dal Bivacco Guiglia. Si segue senza errore il comodo sentiero, che passa sotto le placconate rocciose dello Specchio di Fremamorta.
Giunti a circa 2000 m si incontra un bivio, qui è consigliabile scendere dal sentiero di sinistra (cartello indicante per escursionisti esperti) che permette di arrivare al Pian della Casa più rapidamente e senza una breve risalita. Questo sentiero attraversa la conca erbosa sottostante (seguire gli ometti) e poi con un traverso un po' aereo ma privo di difficoltà consente di scendere a Pian della Casa del Re, ritrovando poi più sotto la traccia principale; trascurato il bivio per il Rifugio Regina Elena, si scende verso la strada sottostante, raggiungendo il ponticello a Pian della Casa del Re 1762 m.
da qui non resta che seguire la strada della vallata per 3 km fino al Gias delle Mosche.

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Tablasses (Testa di) e Testa Sud di Bresses dal Gias delle Mosche, anello per i Laghi di Fremamorta - (0 km)
Ciriegia (Cima) da Pian della Casa del Re - (0 km)
Ciriegia (Passo di) anello da Pian della Casa del Re - (0.1 km)
Ghiliè (Colle) anello dal Pian della Casa del Re per il Lago di Nasta - (0.1 km)
Detriti (Passo dei) dal Piano della Casa del Re - (0.1 km)
Leccia (Cima della) da Pian della Casa del Re per il Colle di Ciriegia - (0.1 km)
Nasta (Lago di) da Pian della Casa del Re - (0.1 km)
Mercantour (Cima di) da Pian della Casa del Re - (0.1 km)
Pagarì (Cima Ovest di) da Pian della Casa del Re per il Colle di Fremamorta - (0.1 km)
Ghiliè (Roccione) anello da Pian della Casa per il Colli Ovest ed Est di Mercantour - (0.2 km)
Paganini (Cima) da Pian della Casa del Re per il Colletto della Forchetta e Colle di Nasta - (0.4 km)
Fremamorta (Cima di) da Pian della Casa del Re, per i Laghi di Fremamorta - (0.4 km)
Ghiliè (Cima) dal Piano della Casa del Re - (0.5 km)
Rovina (Testa) dal Piano della Casa del Re - (0.7 km)
Souffi (Cima del) da Gias delle Mosche - (1.7 km)
Madre di Dio (Bassa della) dal Gias delle Mosche, anello Rifugio Bozano - Rifugio Remondino - (2.6 km)
Bozano Lorenzo (Rifugio) da Gias delle Mosche - (3.3 km)
Pian della Casa (Cima di) dal Gias delle Mosche - (3.4 km)
Remondino Franco (Rifugio) dal Piano della Casa del Re per il Vallone di Assedras - (3.4 km)
Stella (Punta) da Gias delle Mosche, traversata rifugi Morellie Bozano per il Passo Souffì - (3.4 km)
Archas (Monte) e Cime de la Costette Anello dal Col de Salèse e Lac des Adus - (4.3 km)
Fremamorta (Cima di) da Terme di Valdieri, anello dei 10 laghi - (4.4 km)
Detriti (Passo dei) da Terme di Valdieri, giro dell'Argentera per i Rifugi Morelli Buzzi, Remondino, Bozano - (4.6 km)
Valasco Sentiero Balcone per Valmiana Valrossa Vallescura e Valasco - (4.6 km)
Matto (Monte, Cima Est) da Terme di Valdieri per il vallone di Cabrera - (4.6 km)