Cian o Tzan (Punta) via Gaspard

difficoltà: D+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 2906
quota vetta (m): 3320
dislivello complessivo (m): 400

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: RobyF
ultima revisione: 04/07/11

località partenza: Torgnon (Torgnon , AO )

punti appoggio: biv. Rivolta

bibliografia: Alpi Pennine vol. II

note tecniche:
Variante alla più celebre e frequentata cresta Est. Poichè evita proprio le "placche Rey" è da considerare un itinerario a sè stante. Le difficoltà tecniche sono superiori e non si trova materiale sul posto, se non un paio di chiodi. Anche le soste sono da attrezzare. Roccia abbastanza buona. Molto interessante ripercorrerla (in scarponi) pensando che è stata salita nel 1958 e con il materiale di allora.

descrizione itinerario:
Riporto la relazione della guida:
Si segue dapprima la cresta Rey fino all'inizio delle placche. Qui, invece di proseguire verso dx, si traversa a sx, abbassandosi di circa 15m. Attacchiamo la parete in un colatoio verticale, traversiamo poi leggermente a dx e quindi a sx. Percorriamo un camino, che termina in una nicchia, precluso da un tetto. Usciamo con una lunga spaccata verso sx. Dopo una lunghezza di corda si giunge al passaggio più difficile. Si sale dapprima qualche metro a dx, poi si attacca una fessura che termina in una stretta nicchia; da qui si esce sulla dx superando però uno strapiombo sopra il quale vi è una placca liscia che sale diagonalmente con inclinazione molto notevole (chiodi; senza staffa probabilmente A1). Da qui si prosegue ancora per alcune brevi lunghezze di corda, in passaggi difficili e soprattutto esposti, fino all'uscita sull'anticima della Cian.
Difficoltà incontrate III e IV nella parte iniziale, V nella parte terminale.

Materiale una serie di friends, chiodi, martello, fettucce.
6L, 150m di sviluppo