Bordevolo (Punta) da Vaudanza per il Gran Munt e Cima la Rubbia

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 1250
quota vetta/quota massima (m): 2619
dislivello salita totale (m): 1750

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Blin1950
ultima revisione: 28/05/11

località partenza: Vaudanza (Traversella , TO )

cartografia: MU Edizioni - Carta della Valchiusella

bibliografia: CAI-TCI Emilius Rosa dei Banchi

note tecniche:
Cima importante in quanto le sue creste costituiscono gli spartiacque Soana-Chiusella cresta nord, Chiusella-Savenca cresta est e Soana-Savenca cresta sud , dalla vetta panorama a 360°. Il percorso sottodescritto propone la salita della lunga cresta est iniziando dal Colle Loetto , raggiungendo il Gran Munt, le due Cime la Rubbia, orientale ed occidentale, per terminare alla Punta Bordevolo o “Sarlet”.

descrizione itinerario:
Raggiunto il piazzale degli impianti di risalita a Vaudanza, parcheggiata l’auto, risalire su traccia di sentiero sul percorso piste, fino a quota 1400 circa, piegare poi a sinistra seguendo la sterrata e quando questa raggiunge il crinale e cambia verso, abbandonare la sterrata e risalire il crinale , tagliando una prima volta la sterrata, e quando la si raggiunge la seconda volta, sopra la strada si nota una traccia formata da una piccola roggia dell’acqua che taglia verso sinistra con poca pendenza; seguirla e raggiungere le baite dell’Alpe Piera.
Continuare risalire il vallone in direzione del Colle Loetto passando per l’Alpe Mionda. Raggiunto il colle seguire il percorso in dorsale toccando prima il Colle Finestra e raggiungendo dopo la cima del Gran Munt 2235 m.
Discesa, su traccia di sentiero, della breve cresta nord. Raggiungendo il colletto, quota 2180 m, da questo scendere sul versante Savenca alla pietraia sottostante, contornando alla base le rocce del versante meridionale della Cima La Rubbia. Con un traverso ascensionale fra erbe e pietraia attraversare tutta la conca erbosa-detritica e raggiungere l’estremità di una cengia-canale che scende dal crinale posto a metà strada tre il colletto di quota 2379 m e la cima orientale di La Rubbia.
Risalire il crinale e piegando leggermente verso destra sul finale si raggiunge la Cima La Rubbia Orientale 2429 m. Invertendo senso di marcia si percorre la cresta est della Punta Bordevolo, toccando prima La Cima La Rubbia Occidentale 2437 m e dopo la meta finale Punta Bordevolo 2619 m.
Discesa per la stessa cresta est fino alla depressione posta ad ovest della Cima Occidentale di La Rubbia, dalla depressione abbassarsi sul versante sud (Savenca) con traverso verso est in direzione di una baita semidiroccata, continuare verso est raggiungendo la cengia-canale che ci porta alla sottostante pietraia; con andamento verso est scendere la pietraia puntando ad una traccia di passaggio, che in salita, solca il versante nord-ovest del Gran Munt e sbuca nei pressi della baita dell’Alpe Munt 2135 m. Dall’alpe Munt con un traverso leggermente ascensionale si raggiunge la dorsale e si scende al Colle Loetto. Da questo per la stessa via di salita, raggiungere Vaudanza.

altre annotazioni:
Cima importante in quanto le sue creste costituiscono gli spartiacque Soana-Chiusella cresta nord, Chiusella-Savenca cresta est e Soana-Savenca cresta sud.