Ciaslaràs (Monte) d Chiappera, anello valloni dell'Infernetto e Maurin

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BRA / F   [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Est
quota partenza (m): 1631
quota vetta/quota massima (m): 3005
dislivello totale (m): 1374

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: pr18
ultima revisione: 15/05/11

località partenza: Chiappera (Acceglio , CN )

cartografia: I.G.C. 111 - Valle Maira Acceglio Brec de Chambeyron

bibliografia: J. Charles Campana. Blu. Dal colle della Maddalena al Moniviso. N°32

note tecniche:
Anello interessante e molto lungo da intraprendere quando le condizioni sono sicure, la neve trasformata e si può salire in auto fino alle Grange Ciarviera. Picca e ramponi indispensabili. Anche solo la salita e discesa dal Vallone dell’Infernetto ne fanno una bella gita di sicura soddisfazione.

descrizione itinerario:
Dal Ponte Soubeyran proseguire lungo la sterrata (sede della pista di fondo), oltrepassare il Ponte delle Fie, lasciarsi alla propria sinistra le cascate di Stroppia e risalire il vallone sulla sua sponda destra orografica. Ricongiungersi alla carrozzabile del Colle Maurin nei pressi delle Grange Ciarviera (1904 m) dove, in stagione avanzata è possibile arrivare con l’auto. Oltre il tornante, imboccare il Vallone dell’Infernetto risalendo comodi pendii rivolti a SE. Raggiunto il pianoro a quota 2391 m alla confluenza dei due rami in cui si divide il vallone, risalire quello di sinistra e, dopo aver superato con attenzione il ripido pendio rivolto ad E, si raggiunge il ripiano superiore che ospita i laghetti dell’Infernetto (2602 m). Si volge verso N, risalendo dossi e valloncelli che costeggiano le pendici occidentali della costiera sud del Ciaslaràs. Alla testata del vallone, si risale il regolare e ripido pendio sulla destra, puntando al Colle Ciaslaràs (2973 m) – picca e ramponi in caso di neve dura. Dal colle (o anche senza necessariamente raggiungerlo) si prosegue verso destra e si raggiunge l’insellatura sulla cresta sud e si raggiunge in breve la panoramica cima.

Discesa lungo il percorso di salita oppure, se le condizioni di neve sicura lo permettono, ritornati al colle si scende con cautela il ripido canale nord (100 m 35°). Raggiunto il pianoro sottostante, si compie un ampio semicerchio in senso orario, lasciando a sinistra (N) i colli di Marinet e Maurin, al fine di evitare le barre rocciose sulla destra. Si percorre l’avvallamento che scende verso SE sul ripiano del Lago della Sagna del Colle (2436 m). Proseguendo sempre nella stessa direzione si discende la poco inclinata Valle del Maurin e si giunge all’altezza del tracciato della sterrata di fondovalle passando a destra del dosso delle Grange Collet (2006 m, croce) e in breve si raggiunge la confluenza Maurin-Infernetto. Di qui, lungo l’itinerario di salita si torna al Ponte Soubeyran.