Brolliat (Mont) da Chabodey

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 950
quota vetta/quota massima (m): 2430
dislivello salita totale (m): 1480

copertura rete mobile
vodafone : 86% di copertura

contributors: Brunello 56
ultima revisione: 09/05/11

località partenza: Chabodey (La Salle , AO )

cartografia: Carta L’Escursionista, Fg. 2 (LaThuile), Scala 1:25000

bibliografia: A. Giorgetta-Valdigne, gli itinerari escursionistici. Zanichelli Ed.

accesso:
La Salle, Chabodey

note tecniche:
Bellissima escursione nel vallone di Tillac, solitario e lontano dalle consuete rotte escursionistiche. E’ la classica escursione sui sentieri del passato, sentieri che una volta erano l’unica via di comunicazione tra i tantissimi alpeggi presenti in zona ma oggi sostituiti dalle strade sterrate oppure in fase di scomparsa: dei rimanenti si ritrova soltanto un’esile traccia.
Il percorso qui descritto percorre il vallone di Tillac fin quasi alla sua testata e sale poi alla cresta spartiacque che divide i valloni d’En Haut e di Tillac; seguendo la cresta si può decidere di arrivare al Mont Broillat oppure alla punta quota 2430.
Escursione mai difficile o pericolosa, classificata però EE per la scarsità di segnaletica, per il percorso quasi sempre nel bosco, e per il sentiero a volte difficile da individuare o del tutto assente. Comunque, un’occasione in più per gli amanti della wilderness.

descrizione itinerario:
A La Salle, località Pont, si passa il ponte sulla Dora Baltea e si segue la strada asfaltata per Chabodey prendendo la scorciatoia (scalinata con corrimano sulla sinistra salendo). Si attraversano i villaggi di Chabodey e LaPera, prendendo poi sulla destra (palina segnavia) il sentiero n. 11.
Il sentiero, ottimamente segnalato e mantenuto, sale tagliando più volte la strada asfaltata fino ad arrivare ove l’asfalto termina ed inizia il divieto di transito per le auto (volendo è possibile iniziare di qui l’escursione).
Si prende a sinistra (cartelli indicatori) la pista che, salendo sempre mantenendosi nel bosco, porta all’alpeggio di Lazey dove si ritrova la sterrata. Seguirla per un breve tratto (all’alpeggio ignorare l’indicazione verso sinistra per Tillac e l’Agriturismo) poi alla prima curva proseguire diritto sulla pista, costeggiando il torrente Lenteney fino ad arrivare all’imbocco del Vallon d’En Haut.
Passare il ponte sul torrente, proseguire lungo la sterrata fino ad un bivio sulla sinistra in cui (palina con segnavia n. 21) si diparte la pista per Tillac. Seguire la pista, che, diventata poi sentiero, prima sale nel bosco, aggirando il costone che chiude il vallone di Tillac, e quindi prosegue in piano; arrivato in un pianoro erboso aperto si presenta un bivio, poco visibile: il sentiero che scende (sinistra) arriva all’alpeggio, il ramo che sale prosegue invece nel bosco verso la testata del vallone, mantenendosi in costa sulla sinistra orografica ed in quota rispetto al fondo. Il sentiero, sempre abbastanza evidente, è utilizzato dalle mandrie per i pascoli superiori; uscito dal bosco prosegue ancora sul fondo mentre sulla destra si intravede la cresta spartiacque: la si raggiunge e la si segue verso sinistra arrivando in breve alla punta.
Discesa lungo la stessa via di salita fino all’alpeggio di Tillac. Dall’alpeggio, per variare il percorso, si consiglia di seguire la poderale, lungo la quale è possibile sia ritornare di nuovo fino a Lazey oppure, arrivati a Dailley, prendere la sterrata a destra (palina segnavia) e poi il sentiero n. 11A (losa con indicazione) fino a Derby.