Saint Evence (Cappella di) da Chatillon

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 550
quota vetta/quota massima (m): 1650
dislivello salita totale (m): 1100

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura

contributors: franco@A
ultima revisione: 11/04/11

località partenza: Chatillon (AO) (Châtillon , AO )

cartografia: Fondo valle del Cervino 1/25000 Ufficio Reg Turismo

note tecniche:
Interessante escursione, (possibile anche con percorsi più brevi – vedi altre proposte su Gulliver) su sentiero “balcone” panoramico sul fondovalle VdA e attraverso boschi sino a raggiungere la massima elevazione dove il panorama spazia su gran parte della VdA. Lungo il percorso il profumo di timo ci accompagna per tutto il primo tratto sino alla interessante miniera (ancora visibili i sistemi di taglio del blocchi) per poi raggiungere il pianoro con ampi prati nei pressi della località Grand Bruson dove pannelli illustrano le proprietà dell’eco sistema locale sino alla rilassante area sommitale (abbastanza frequentata) che offre ampi panorami sulla Valtournenche e Valle principale. Periodo consigliato primavera (senza neve) autunno.

descrizione itinerario:
L’escursione inizia dalla località di Chameran di Chatillon 550m che si trova a poche decine di metri dalla rotonda (con Cervino stilizzato) all’inizio della strada che risale la val Cervino dopo aver parcheggiato sulla sx nei pressi del bar Les Amis. Si risale tra la case dove si incontra una prima palina segnaletica con indicazione sentiero n.4 per Semon. Dopo un breve tratto tra le case si esce sul sentiero che procede in direzione est e che ben presto diventa sentiero balcone molto panoramico sul fondovalle.
In breve si raggiunge il Ru Chandianaz 880m dove si svolta a sx sul Ru (coperto da assi in questo tratto)e si prosegue su un tratto di sentiero che attraversa un vecchia frana, suparata la quale appena inizia una poderale occorre individuare il sentiero che sale a dx nel bosco 910m in direzione nord ovest sino a raggiungere la cava di pietra dove sono ancora presenti le carrucole e i cavi utilizzati per il taglio dei blocchi.
Salendo ancora nel bosco, sull’evidente sentiero, si raggiunge un pianoro molto panorami dove sono presenti alcuni panelli che illustrano le peculiarità del territorio della flora e fauna del posto e dove è possibile trovare (se in fioritura) diverse varietà di orchidee (da rispettare!) il sentiero termina. Proseguendo su strada che sale a dx si è ormai giunti a Grand Bruson 1139m (vedere anche forno nei pressi della fontana) dove attraversate le poche case si prosegue per Moral 1140m e seguendo la strada in salita a dx dir nord ovest dopo un centinaio di metri sulla dx si trova la mulattiera 1170m (per un brevissimo tratto asfaltata e molto ripida) che rientra ne bosco e taglia una prima poderale; raggiunge la poderale soprastante a quota 1318~m dove sono possibili due percorsi.
Il primo proseguendo a sx in direz. nord ovest si raggiunge Plau dove si trovano le indicazione del sentiero n.2 (sempre ben segnato con bollini gialli e pannelli indicatori “tour de saint evence” che con volta a dx in direzione est porta con un lungo traverso (rientrando nel bosco) a raggiunge il bivio 1565m con indicazione di svolta a sx per la Capella (dove inizia il tratto di salita finale a strette svolte).
In alternativa, più breve e non segnalata ma abbastanza evidente, si procede a dx dir est per un breve tratto di poderale sino ad individuare sulla sx il sentiero (q. 1330~m) che sale in direzione nord est che con ampie svolte risale il bosco sino a raggiunge il bivio 1565m con indicazione di svolta a sx per la Capella (dove inizia il tratto di salita finale a strette svolte).
Dal bivio dove si incrocia il sentiero n.14 che sale da Berzin si segue l’indicazione “Cappella s. Evence) sent. n14 che in direz nord (sx) sale la ripida rocca (sentiero con ampie protezioni) e porta a raggiungere il pianoro dove è posta la Cappella (e al gigantesco pannello riflettente per telecomunicazioni) punto molto panoramico che permette di spaziare dal Cervino alle catene di monti della dx e sx orog della VdA oltre ai fondovalle verso est e ovest.
Rientro per il sentiero di salita.