Invisibile (Cascata) - Cascate del Colombin

difficoltà: III / 4   [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Est
quota base cascata (m): 1670
sviluppo cascata (m): 250
dislivello avvicinamento (m): 450

copertura rete mobile
dato non disponibile

ultima revisione: 08/02/10

località partenza: Forno Alpi Graie (Groscavallo , TO )

punti appoggio: Il Savoia - Forno Alpi Graie

bibliografia: Ghiaccio dell'Ovest di GianCarlo Grassi

note tecniche:
La conca superiore del Colombin presenta numerose cascate non ancora salite e forse nemmeno prese in considerazione, data l'estrema variabilità delle condizioni del ghiaccio, essendo poste in pieno sud. Le più evidenti sono le due colate parallele che dominano il Gias Colombin. La prima a destra è più corta, quella a sinistra lunga fino a 200 mt, presenta numerosi muri verticali, ma prendendo più sole si consolida male e per poco tempo.
Ci sono altre candele e muri che si generano da tetti e salti erbosi.
La cascata principale non ghiaccia mai completamente per l'enorme portata d'acqua. Quella da noi salita è posta nella gola a sinistra di quest'ultima.

descrizione itinerario:
1. Due possibilità: una bella candela alta una decina di metri o una goulottina larga 50cm che si insinua tra rocce e teppa erbosa a 70°. Sosta sul ripiano all'uscita su masso incastrato.
2. Si entra nel gran diedro per una rampa di ghiaccio a 60° fin contro il muro che si supera verso destra per una decina di metri. Al termine si prosegue per rampa di ghiaccio verso destra andando a fare sosta in una nicchia. Utili chiodi a lama e friends n° 1 e 2.
3. Ci si sposta sulla colonna a sinistra e la si supera in tutta la sua lunghezza a stretto contatto con la roccia per 40 metri. (una favola ghiaccio ottimo) Sosta su masso incastrato.
4.Si prosegue nel canale nevoso per una decina di metri e si attacca a sinistra una bella lingua di ghiaccio nel diedro roccioso, poi una esile candela al centro del canale e vari rigonfiamenti portano a degli arbusti dove si sosta.
5. Ultima lunghezza per raggiungere la sommità: o diritti per il gully stretto e incassato nel mezzo del canale, oppure a destra per una candela alta 5 metri si esce dalle difficoltà sul ripiano superiore sostando su albero.
Discesa: una doppia fino alla sosta 3, poi a piedi per la rampa erbosa sulla destra scendendo ritornando agli zaini alla base.
Partecipanti al gioco: Nando Pagliano, Ala Enzo e Bosticco Andrea.