Marigal Anello da Canfinello

L'itinerario

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 750
quota vetta/quota massima (m): 2601
dislivello salita totale (m): 1850

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: adriano maggi
ultima revisione: 15/03/11

località partenza: Canfinello (Ceppo Morelli , VB )

cartografia: Kompass 88 Monte Rosa

bibliografia: CAI-TCI 19 Andolla-Sempione

note tecniche:
Percorso complesso per la maggiore su tracce, in ambiente selvaggio ormai privo di segnaletica.

descrizione itinerario:
Da Canfinello (Ceppo Morelli), per sentiero ben segnalato, raggiungere l’alpe Col quindi proseguire senza indicazioni lungo la dorsale alle spalle dell’alpeggio (percorso cacciatori locali) in direzione di una grossa struttura metallica già visibile dal basso (quota 1964) .
Dalla struttura continuare sempre lungo la dorsale fino a pervenire a una punta quotata 2402, dove si rinvengono alcuni segnali che consentono di aggirare più velocemente il roccioso versante E del Marigal per raggiungere la depressione dei Laghetti di Prebianca (mt 2520) da dove facilmente seguendo la cresta N, si arriva in vetta. (tot 5-6 ore)
Ottimo panorama su Monte Rosa e Valle Anzasca.
Al ritorno abbassarsi lungo la cresta S, in parte su giavine, fino a pervenire a un canale che scende lungo il versante O e permette di riportarsi sul sentiero diretto agli alpeggi di Cortenero (Biv. Longa mt 2036).
Dall’Alpe Cortenero proseguire per un breve tratto in direzione O verso l’Alpe Colla (Mondelli), fino a incontrare una deviazione (segnale) che sfruttando le tracce di un vecchio sentiero-mulattiera ci permette di tornare direttamente al fondovalle in località Borgone a poche centinaia di metri dal punto di partenza.

NB La difficoltosa salita per la dorsale S si può evitare sfruttando il sentiero (+ 30/40 min.)che porta dall’Alpe Col all’alpe Asinello dove si perviene al percorso più frequentato e segnalato che sale da Vanzone al Passo Lareccio e ai Laghi di Prebianca.
-la storica via scalinata che va dagli alpeggi di Cortenero a Borgone (Ceppo Morelli) negli ultimi anni è stata del tutto abbandonata. Resistono evidenti tracce e alcuni segnali, ma superare la barriera rocciosa mediana in giornate piovose, temporalesche o con scarsa visibilità può essere oltre che difficile anche molto pericoloso.