Clausis (Pic de) da Abries per il Versante Sud

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Sud
quota partenza (m): 1540
quota vetta/quota massima (m): 2915
dislivello totale (m): 1375

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura

contributors: ste_6962
ultima revisione: 03/01/11

località partenza: Abries (Abriès , 05 )

punti appoggio: Gite d'Etape Le Villard di Abries

cartografia: IGN foglio 3637 OT

accesso:
Da Cuneo, per il Colle della Maddalena, Col de Vars, discesa a Guillestre e risalita nella valle del Guil fino ad Abries.
Da Torino, salita al Colle del Monginevro, poi Briançon e quindi Guillestre e risalita ad Abries.

note tecniche:
L'itinerario si svolge dapprima su una stradina, poi su sentiero, pendii poco ripidi, un bel bosco di larici, prima di un ampio crestone, con qualche tratto affilato e alcuni saliscendi fino a raggiungere la cima. Non ci sono tratti particolarmente esposti a possibili valanghe, occorre prestare attenzione lungo i pendii che portano in cresta per la eventuale presenza di lastroni. In caso di neve dura o ghiacciata, alcuni tratti lungo la cresta finale potrebbero richiedere l’utilizzo di piccozza e ramponi.
Percorso piuttosto lungo (1400 m che comprendono alcuni saliscendi). Il periodo migliore va da gennaio ad aprile.

descrizione itinerario:
Da Abries, si va a reperire l’inizio della stradina nota come “Via Crucis”, sulla sinistra del paese, che si segue fino a raggiungere una chiesetta. Da qui il sentiero prosegue sulla sinistra in leggera salita attraversando un avvallamento e con percorso quasi pianeggiante si arriva nei pressi di un bivio, dove si volge a destra entrando in una valletta abbastanza ripida, ma salita con un sentiero che si sviluppa con una serie di serpentine e porta verso sinistra, superando un costolone e poi salendo in direzione di una ben visibile cappelletta, posta appena sotto i ruderi del piccolo villaggio noto come Le Villard 1858 m.
Dai ruderi di questo piccolo paesino si segue un sentiero che volge inizialmente a destra (paletto in legno con indicazione “Les Bertins par le canal neuf”) risalendo pendii di moderata inclinazione, fino ad intercettare una stradina che sale verso sinistra. Si prosegue lungo il tracciato della stradina, entrando in un bosco che porta ad un avvallamento del Torrente des Tioures e raggiungendo la Bergerie des Salins 2110 m (con un locale sempre aperto, dotato di tavolo e alcuni materassi, utilizzabile eventualmente come bivacco). Dalla Bergerie, si deve salire ora verso destra, superando un altro boschetto fino a raggiungere gli ampi pendii nevosi che scendono direttamente dalla ben visibile cresta Sud della nostra montagna.
Una volta sbucati su questi ampi pendii, con percorso non obbligato si punta alla cresta, che si raggiunge sulla destra, normalmente presso quota 2500 m. Si segue ora il crestone meridionale nei pressi del filo, che con un tratto abbastanza ripido porta all’elevazione di quota 2799 m. Da qui si prosegue sulla comoda cresta in direzione di quella che sembra la cima (in realtà si tratta dell’anticima di quota 2848 m). Raggiunta l’anticima (contrassegnata da 2 paletti di legno).
Con alcuni saliscendi e un breve affioramento di roccette, si riprende a salire, raggiungendo un tratto più sottile e affilato con possibili cornici sulla destra (a volte sono necessari i ramponi), fino al punto in cui si allarga a facile pendio e verso sinistra si raggiunge l’ampia cima, sormontata da un piccolo ometto di pietre.
In discesa si segue lo stesso percorso fatto in salita.

altre annotazioni:
Questa montagna è situata nella Valle del Guil, nel Gruppo tra la Punta Merciantaira e la Punta Ramière.