Tenou (Borgata) da Calchesio, anello per Fondovet, Gioanotta, Confine

tipo itinerario: bosco fitto
difficoltà: MR   [scala difficoltà]
esposizione: Nord
quota partenza (m): 998
quota vetta/quota massima (m): 1650
dislivello totale (m): 750

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: diego72
ultima revisione: 27/12/10

località partenza: Calchesio (Sampeyre , CN )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.12 Bassa Val Varaita, Bassa Val Maira

note tecniche:
lunghezza 15.5km, 90% del dislivello nei primi 3.5km: dosare le forze. dopo Tenou meglio avere traccia gps

descrizione itinerario:
A Calchesio si abbandona la statale svoltando a sx in direzione di Garneri e si parcheggia dopo pochi metri(albergo-bar).
Si parte dal ponte (m.998) ed al bivio (seguire palina U42) si tiene la dx per salire su stradina a Garneri dove tra le case inizia il sentiero che ci portera' a Meire Fondovet m.1665
Solo l'ultimissimo tratto, con scarsa visibilita' e nessuna traccia, potrebbe risultare poco chiaro (giunti vicino al rio basta non attraversalo e costeggiarlo tenendosi pochi metri piu' in alto).

A Fondovet il panorama si apre.
Prendo la sterrata verso ovest, prima in leggera salita ed infine in netta discesa. 3km abbondanti immersi nel bosco, trasferimento assolutamente piacevole.
Riposo e cibo me li godo al riparo seduto davanti alla splendida chiesetta di Tenou m1650, un piccolo pianoro davvero bello, anche in estate.
A questo punto mi armo di gps con traccia ben in vista e mi appresto ad una discesa per me nuova.
Il primo tratto e' in comune con il classico itinerario verso Torrete: si raccordano le baite diroccate in direzione nord-ovest. dopo una di queste si attraversa un piccolo corso d'acqua ed in breve si trova la palina che indica U37 a dx.
L'inizio e' subito nel bosco, niente affatto ovvio; ci sono i segni rossi sugli alberi ma bisognerebbe avere la fortuna di non passarci con la neve congelata sui tronchi.
Giunto ad un altra palina prendo a dx verso Gioanotta, adesso con percorso leggermente piu' evidente. Da Gioanotta m1322 parte una piccola sterrata che, senza possibilita' di errore, porta a fondovalle dove si costeggia brevemente il Varaita in direzione Est per attraversarlo sul piccolo ponte pedonale.

Questa discesa e' bella ma consigliabile solo con visibilita' ottima e magari in gruppo, in modo da fare un po di ventaglio per non perdere le tacche rosse sugli alberi. Considerando l'andazzo della giornata e la vicinanza con la piu' classica discesa a Torrette consiglio di arrivarci preparati a cavarsela senza l'aiuto di passaggi precedenti. se da soli meglio avere la traccia gps che mettero' a disposizione. Il passaggio da Gioanotta e' praticamente obbligato, quindi non e' che si possa ravanare piu' di tanto....

Da Confine ci sono 10-15minuti su statale fino a Villar. Qui si attraversa il Varaita, si svolta subito a sx e si segue il torrente senza possibilita' di errore fino all'auto.