Alpe (Tete d') anello della Gouta da Rocchetta Nervina

L'itinerario

difficoltà: OC / OC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 500
dislivello salita totale (m): 1250
lunghezza (km): 42

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: baloo
ultima revisione: 16/11/10

località partenza: Rocchetta Nervina (Rocchetta Nervina , IM )

punti appoggio: rifugio Pau- rifugio Sella di Gouta

cartografia: ign alpi senza frontiere carta n°2 Moyenne Roja-Vel Nervia Argentina

note tecniche:
Il giro completo può partire direttamente da Rocchetta Nervina, scendere verso Ponte Raggio e al bivio per Dolceacqua svoltare a destra in salita su strada panoramica , prima asfaltata e poi sterrata . Per accorciare lasciare l'auto invece al punto in cui la strada da asfaltata diventa sterrata ( quota 500 mt circa)
Se si parte da Rocchetta il ritorno può avvenire dal bellissimo sentiero , però molto tecnico ed esposto nonchè meraviglioso e panoramico , ciclabile al 60 % circa che scende a sinistra dal Rifugio Pau passando per il bellissimo pote d Pau e che arriva diretto a Rocchetta .

descrizione itinerario:
Si parte da quota 500 dall'inizio sterrato , salita piacevole anche se dissestata e ripida fino al rifugio Pau e poi proseguendo sino al bivio per Tete d'Alpe , qui a sinistra ripidissima salita sino alla tete d'Alpe.
Da Tete 'Alpe si pedala su sentiero e strada agevolissima sempre ciclabile a cavallo del confine tra scenari spettacolari e senza possibilità di errore si arriva al Colle Pegairole e al Monte Scarassan ( attenzione a non scendere al Passo Muratone come ho fatto io per errore a meno che non vogliate andare a Pigna )ma stando invece in quota si arriva su bella sterrata alla sella di Gouta .
Di qui se avete l'auto a Rocchetta potete scendere verso il bosco d'Altomoro tirando dritti al primo tornante a gomito e poi avventurandovi tra mille stradine e sentieri che, perdendovi, vi porteranno, ravanando, alla fine di una più o meno lunga e forse piacevole pellegrinazione a Rocchetta Nervina passando tra baite diroccate e abbandonate , vecchie chiese , accarezzerete i fianchi del Monte Morgi e ritroverete il paese o finirete sulla strada asfaltata per Dolceacqua da dove potrete tornare a Rocchetta.
Se no il giro serio continua facendo attenzione a prendere verso nord ( a destra dell'asfalto) su strada che prima scende , poi diventa rovinata e sassosa ma sempre ciclabile e con diversi tornanti passa sotto una galleria .
Al bivio dopo la galleria non andate a destra in salita perchè finireste alle Margherie Gjon ( a meno che non vogliate ritornare bici in spalle sula cresta dell'andata e scendere da tete d'Alpe)
Proseguendo invece su bellissimo e panoramico sentiero, facendo attenzione alle mucche del margaro si chiude il cerchio e tornate all'auto ... oppure se avete spirito d'avventura e buone motivazioni nonchè l'auto a Rocchetta scendete sul sentiero diretto per Rocchetta che parte nei pressi del Rifugio Pau con fantastiche vedute sui laghetti verdi e varie cascatelle .