Mezzodì (Pizzo del) Giro da Tugliaga

L'itinerario

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 750
quota vetta/quota massima (m): 2345
dislivello salita totale (m): 1595

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: gamquarna
ultima revisione: 06/11/10

località partenza: Tugliaga (Trasquera , VB )

cartografia: Kompass 89 -Domodossola-

bibliografia: CAI-TCI 19 Andolla-Sempione

note tecniche:
La parte più complicata dell’escursione è raggiungere la partenza, infatti, al primo sguardo può sembrare impossibile che riesca una strada da Varzo a uscire sopra la bastionata rocciosa alla base del versante Sud della Val Divedro, invece, nelle viscere della parete, esiste un tunnel a spirale creato apposta per servire la centrale idroelettrica di Tugliaga, di libero accesso, asfaltato, illuminato e fornito al suo termine anche di un ampio parcheggio.
Il tunnel si trova oltre il fiume Diveria e per arrivarci bisogna attraversare Varzo utilizzando la vecchia S.S. (uscita Varzo) e prendere la deviazione a sinistra sulla discesa poco oltre l’ingresso della galleria ferroviaria del Sempione.

descrizione itinerario:
Dal piazzale di Tugliaga ritornare alcuni metri lungo la strada e prendere la gippabile che sale a destra e, superato l’Alpe Selvanera, seguirla fino al suo termine all’alpe Nugno.
Sopra gli alpeggi parte il sentiero (cartello) che attraversa il bosco di larici per uscire sul poggio dell’alpe Albiona (mt 1788) da dove inizia il vallone, segnalato con ometti, che sale il versante nord-est del Pizzo Mezzodì per finire sulla cresta di confine con la Val Bognanco, poco sotto la cima, al Passo dell’Acquafredda.
Aggirare la cima sul versante S verso la Val Bognanco, riprendere la cresta e spingersi fino al limite opposto dell’ampia sella della Bocchetta di Variola dove si trova un nuovo sentiero (GTA) che riporta con un diverso percorso fino all’ Alpe Selvanera.
Affascinante percorso ad anello in ambiente selvaggio su sentieri in disuso